BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Reddito minimo garantito per chi non lavora: che cosa è e come funziona la proposta Governo Letta

Reddito minimo: cos’è e chi ne potrà beneficiare



Il nuovo governo Letta, fra i punti del suo programma, mira a riformare profondamente il welfare: “Dobbiamo rilanciare il welfare tradizionale europeo, il nostro modello non basta più, deve essere più universalistico e meno corporativo aiutando i più bisognosi, migliorando gli ammortizzatori sociali estendendoli ai precari e si potranno studiare forme di reddito minimo per le famiglie bisognose con figli”, ha infatti annunciato il neo premier Enrico Letta.

Ma in cosa consiste questo reddito minimo per le famiglie e come funzionerebbe? Si tratta di un sussidio universale contro la povertà che è entrato già nel dibattito politico italiano durante il periodo eletterola, considerando che è uno dei cavalli di battaglia del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo.

Secondo Letta, “Si potranno studiare forme di reddito minimo per le famiglie bisognose con figli piccoli e proposte di incentivi con part time misti e con la staffetta per la parallela assunzione di giovani”.

Letta ha quindi ricordato che la priorità del suo governo sarà quella del lavoro, piaga che affligge soprattutto il sud e i giovani, e che l’obiettivo è “prevenire l’incubo dell’impoverimento. Dobbiamo, inoltre, mettere il mezzogiorno nelle condizioni di crescere da solo”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il