BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Google Glass: tutti pazzi per i nuovi occhiali. Twitter compreso

Twittare con gli occhialini di Google: la novità e le altre funzioni



Saranno in commercio fra un anno i Google Glass, innovativa invenzione che prende forma in un paio di occhialini appunto in stile futuristico che permettono di catturare foto e girano video con fotocamera da 5 Megapixel alla risoluzione di  720p, e includono 16GB di Flash storage sincronizzato con lo storage cloud di Google, di cui 12GB è usabile.

Questi speciali occhialini sono, inoltre, dotati di connettività Bluetooth e Wi-Fi. Tra le funzioni dei Google Glass: si potranno, per esempio, guardare foto, titoli di giornali, come il New York Times, o far sì che siano i Google Glass a leggere le notizie per voi.

Gli occhiali non avranno lo streaming video, al contrario di Google+, ma tutte le app che usate più spesso sugli smartphone arriveranno sui Google Glass. Con gli occhiali si potrà anche twittare: l’applicazione ufficiale di Twitter per questi occhialini sarebbe già in fase di testing, come dimostrato da un tweet rivelatore dello sviluppatore Shiv Ramamurthi @mogrooth, immediatamente eliminato.

Ma la notizia è stata immediatamente riportata da tutte le fonti più autorevoli. I Google Glass permetteranno, dunque, anche di scattare foto e di condividerle sul social network insieme a brevi messaggi da 140 caratteri. L’audio, inoltre, non si ascolterà nel modo tradizionale, con auricolari o cuffiette, ma per induzione ossea.

Significa che l’organo sensoriale dell’udito percepirà direttamente le vibrazioni che giungeranno attraverso le ossa craniche dal dispositivo traducendole in suoni, voci, rumori.

I Google Glass offriranno poi anche la possibilità di inviare le foto scattate in modo immediato grazie alla specifica funzione Instant Upload. Al momento gli occhialini di Google stanno riscuotendo grande clamore e curiosità e non resta che vederli sul mercato per capire davvero quali esperienze saranno in grado i regalare a chi li userà.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il