BusinessOnline - Il portale per i decision maker








730 2013: le spese che si possono detrarre. Lista e istruzioni per compilazione

Tutte le spese che si possono portare in detrazione con 730 2013



Il modello 730 2013 deve essere presentato da chi percepisce redditi da lavoro dipendente o da pensionati. Il termine per la presentazione del modello 730 2013 varia a seconda della modalità di consegna, fissata al 30 aprile 2013 per la presentazione al proprio datore di lavoro e al 31 maggio 2013 per la presentazione presso un centro di assistenza fiscale o un professionista abilitato.

Diverse le detrazioni previste da quest’anno, dalle spese sanitarie, alle spese mediche e di assistenza specifica per i disabili (anche quando sostenute nell’interesse di familiari non a carico); alle spese veterinarie sostenute per gli animali domestici (fatture ricevute fiscali relative a medicinali per uso veterinario e prestazioni veterinarie).

Rientrano delle detrazioni anche gli interessi passivi pagati su mutui ipotecari per l’acquisto o la costruzione di immobili destinati ad abitazione principale; i contratti di locazione; i premi versati a compagnie di assicurazione per polizze di assicurazione sulla vita e contro gli infortuni (polizze stipulate fino al 31 dicembre 2000); premi versati a compagnie di assicurazione per polizze di assicurazione sul rischio morte, invalidità permanente, superiore al 5%, non autosufficienza nel compimento degli atti quotidiani (polizze stipulate a partire dal 1 gennaio 2001).

Soggette a detrazione anche le spese per la frequenza di corsi di istruzione secondaria o universitaria, presso istituti italiani o stranieri, pubblici o privati, ma l’importo detraibile non può superare quello delle tasse e contributi degli istituti statali italiani; spese per asili nido; contributi previdenziali versati obbligatoriamente o facoltativamente; contributi per la previdenza complementare (fondi pensione); contributi previdenziali versati per COLF o badanti; contributi versati a fondi sanitari integrativi del Servizio Sanitario Nazionale; contributi ed erogazioni liberali a favore di istituzioni religiose; assegni periodici corrisposti al coniuge (ma non ai figli) in conseguenza di separazione legale, effettiva o divorzio; spese per i canoni di locazione degli studenti universitari fuori sede.

E ancora, ricevute di donazioni ad Onlus; ricevute di donazioni ad associazioni sportive dilettantistiche; ricevute di donazioni a istituti scolastici, statali o paritari senza scopo di lucro.

In detrazione anche le spese sostenute per detrazioni d’imposta per il risparmio energetico (55%) valide per la qualificazione energetica di edifici esistenti (detrazione massima 100.000 euro; per interventi su pareti, finestre, infissi (detrazione massima 60.000 euro); per installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda (detrazione massima 60.000 euro); e per l’installazione di caldaie a condensazione in impianti di riscaldamento esistenti (detrazione massima 30.000 euro).

Tra le altre spese da portare in detrazione con il 730 2013 ci sono anche i contributi versati per il riscatto del corso di laurea a favore dei familiari a carico.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il