BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Lavoro e modifica Riforma-Legge Fornero: detassare gli stipendi sarebbe fondamentale

Detassare il lavoro per rivitalizzare l’economia: pareri e vantaggi



Enrico Letta, nuovo presidente del consiglio, ha più volte dichiarato, in questi giorni, che una delle priorità del suo governo sarà il rilancio del mondo del lavoro, che “Se non risolviamo il nodo del lavoro, falliremo”.

E sarebbero diversi, secondo gli esperti del settore, gli interventi che il governo potrebbe programmare a favore del mondo del lavoro, a partire dalla detassazione del lavoro. “Servirebbe la detassazione sia degli stipendi dei dipendenti e sia del costo del lavoro a carico dell’ impresa. 

Un lavoratore deve costare di meno ad un azienda e la tempo stesso lui deve portare a casa più denaro, per rivitalizzare i consumi e stimolare le imprese a fare assunzioni. Basta ai soli prelievi fiscali: detassare, in questo momento, equivale ad un’iniezione di fiducia sia verso i lavoratori che verso le imprese”, come ha spiegato Vincenzo Bertino, presidente provinciale di Confcommercio Savona.

Secondo altri, detassare gli stipendi, cioè aumentare il netto diminuendo il lordo sarebbe una misura più importante della sospensione Imu o altro. Sull’argomento interviene anche Alessandro Berta, direttore dell’ unione industriale della provincia di Savona, secondo cui “A livello nazionale bisogna intervenire sulle tassazione delle imprese e in particolare ridurre i costi del lavoro.

Bisogna guardare la situazione da due punti vista: prima di tutto è necessario abbattere l’Irap per  la parte che riguarda i lavoratori in modo da aumentare la  disponibilità economica dei lavoratori e dei dipendenti.

In secondo luogo è necessario diminuire la tassazione a carico dell’ imprese, in maniera tale da determinare un minore costo del lavoro. Queste facilitazioni però non possono essere riservate solo alle imprese che assumono, perché in un momento di crisi, con il calo del Pil che a maggio 2013 si attesta tra l’ 1% e 2%, è necessario stimolare i consumi e rendere competitive tutte le imprese. E’ giusto premiare chi assume”.  

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il