BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Taglio tassi interesse Bce per aumentare mutui e prestiti a famiglie e imprese. Ma non sarà facile

Ripresa nel corso dell’anno grazie anche a taglio tassi: previsioni



Nuovo taglio dei tassi da parte della Bce: la Banca centrale europea ha, infatti, stabilito un nuovo taglio del tasso d'interesse principale allo 0,50% dallo 0,75%, raggiungendo un nuovo minimo record.

Ad annunciarlo la stessa Bce. Il tasso sui prestiti marginali scende di mezzo punto all'1%, quello sui depositi resta invariato allo 0%. La Bce non solo ha tagliato i tassi dello 0,25%, ma ha anche lasciato la porta aperta a nuovi interventi, spiegando che la politica monetaria di Francoforte “resterà accomodante per tutto il tempo che servirà”.

Il nuovo taglio dei tassi dovrebbe andare ad incidere sull’andamento dell’economia reale, favorendo (così si spera per lo meno) l’aumento di erogazione mutui e prestiti sia alle famiglie che alle imprese.

A parole l’operazione sembra piuttosto semplice, ma praticamente si realizzeranno effettivamente le condizioni ottimali e più convenienti per famiglie, singoli e imprese, tali da poter ricominciare a chiedere finanziamenti e prestiti senza ansie?

Secondo gli esperti, se anche questo fenomeno dovesse davvero iniziare non sarà sicuramente nel breve periodo. Secondo la Bce, invece, “La nostra politica monetaria dovrebbe aiutare la domanda interna”. Intanto, il numero uno dell’Eurotower ha lanciato un avvertimento anche alle banche, che “non possono utilizzare la mancanza di liquidità come scusa per non fornire credito all’economia”.

Ora, dunque, il tasso sui prestiti marginali, in particolare, scenderà, come detto, di mezzo punto all’1%, mentre quello sui depositi resta invariato allo 0%. Risale a 10 mesi fa (luglio dell’anno scorso) il precedente intervento della Bce, che aveva tagliato il tasso di riferimento di un quarto di punto portandolo dall’1 allo 0,75%.

L’attività economica dell’Eurozona, secondo Draghi, “imboccherà la via di una graduale ripresa nel secondo semestre dell’anno e il taglio dei tassi dovrebbe sostenere la ripresa più in là nel corso dell’anno”.

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il