BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Bonus Bebè 2013: domanda. Come e chi la può fare. Istruzioni, condizioni e scadenze

Chi può beneficiare del bonus bebè e come ottenerlo



Al via anche quest'anno il Bonu Bebè 2013, la cui distribuzione è limitata al triennio 2013-2015 e i cui benefici previsti hanno una durata di 6 mesi al massimo e possono essere utilizzati per pagare esclusivamente l'asilo nido o la baby sitter.

Il bonus non è destinato a tutte le mamme, ma solo a quelle che hanno terminato il congedo di maternità obbligatorio, per le lavoratrici dipendenti Inps e per le iscritte alla Gestione separata (per queste ultime, però, il bonus vale solo tre mesi) e per le libere professioniste.

Ne sono escluse le lavoratrici autonome iscritte ad altri tipi di gestioni, tutte le lavoratrici che usufruiscono dell'esenzione totale dal pagamento dei servizi per l'infanzia pubblici (o dei servizi privati convenzionati) e quelle che usufruiscono dei benefici previsti dal Fondo per i diritti e le pari opportunità.

Il bonus bebè 2013 ha un valore 300 euro mensili e viene erogato solo in alternativa al congedo parentale, al quale bisogna rinunciare esplicitamente. Il bonus di 300 euro mensili si può sfruttare solo per i seguenti acquisiti: servizi di baby sitting o, in generale, servizi all'infanzia erogati da enti pubblici o privati accreditati, cioè per pagare l'asilo nido. In questo caso, l'importo di 300 euro sarà versato direttamente alla struttura frequentata dal bambino; mentre per chi sceglie il baby sitting, il bonus verrà erogato in buoni lavoro o voucher, che la baby sitter incasserà direttamente.

Per ottenere il bonus bebè, la domanda può essere compilata direttamente sul sito dell'Inps, previa richiesta all'ente stesso di un codice Pin di accesso. Nella domanda di richiesta del Bonus bisogna indicare per quale servizio si desidera fruire del bonus bebè, cioè se per baby sitter o asilo nido e si si sceglie la seconda opzione, bisognerà indicare la struttura alla quale il bimbo è stato iscritto e tale struttura dev'essere inclusa nell'elenco pubblicato online dall'Inps.

Nel modulo si deve indicare anche il numero di mesi per i quali si intende sfruttare il beneficio e si deve dichiarare di aver presentato una Dichiarazione Isee valida. L'Inps, infine, stilerà una graduatoria che terrà conto dell'Isee e che sarà pubblicata sul sito stesso.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il