5 per Mille: ecco chi preferiscono i contribuenti in dichiarazione redditi

Volontariato e ricerca: le preferenze degli italiani per il 5 per mille



Resta in testa Emergency nelle preferenze dei contribuenti italiani per la donazione del 5 per mille. Ma fa incetta anche l’Associazione italiana per la ricerca sul cancro.

Secondo gli ultimissimi dati resi noti dall’Agenzia delle Entrate, con la dichiarazione dei redditi del 2011 l’associazione di Gino Strada ha ricevuto 363.070 firme a suo favore, per un importo totale di 10,6 milioni di euro. Nella classifica del volontariato seguono Medici senza frontiere (249.462 firme per 8,4 milioni) e l’Associazione italiana per la ricerca sul cancro (258.461 per 6,2 milioni), che riceve anche i fondi per gli enti della ricerca sanitaria, dove è prima in classifica con 389.302 firme (pari a 5,7 milioni) e quelli per la ricerca scientifica, dove è ancora prima nel ranking con 1.020.009 firme (34,2 milioni). 

Tra i Comuni, soprattutto per densità di popolazione, primo quello di Roma con 11mila scelte pari a 387 mila euro, seguita da Milano (5.933 firme che valgono 249mila euro) e da Torino (5.746 firme per 178mila euro). Tra le associazioni sportive c’è l’Associazione dilettantistica polisportiva Odysseus Messina con 5.085 firme e 94.561 euro.

In generale, gli enti del volontariato hanno ottenuto oltre 10 milioni di firme, gli enti della ricerca scientifica 1,6 milioni di contribuenti, mentre agli enti della ricerca sanitaria sono andate le preferenze di 1,3 milioni di persone, più altri 1,1 milioni di firme per la categoria (pari a 54,7 milioni di euro totali).

In particolare, per quanto riguarda l'elenco degli enti di ricerca, si ferma a poco più di 400 nomi, ai quali vanno 57,5 milioni. Apre l'Airc con 34,23 milioni, seguito dalla Fondazione italiana sclerosi multipla (3,82 mln), dalla Fondazione Umberto Veronesi (3,37 mln), dalla fondazione Teleton (1,87 mln) e dalla Fondazione del San Raffaele Mont4e Tabor (1,05 mln).

Ultimo il Consorzio per le valutazioni biologiche e farmacologiche, 15,99 euro. Per gli enti di ricerca sanitaria, invece, l'elenco dei 97 nominativi, cui sono destinati 54,76 milioni, è aperto dall'Airc, con 14,96 milioni, mentre a chiuderlo è l'Istituto per gli affari sociali, con 595 euro.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini pubblicato il