BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Amazon Coins: nuova moneta digitale per pagare online

Coins nuova moneta virtuale di Amazon: come funziona



Si chiama Coins la nuovissima moneta virtuale lanciata da Amazon che corrisponde a un centesimo di dollaro, grazie alla quale i possessori dei tablet Kindle Fire potranno acquistare app e giochi dall'app store.

In realtà l’annuncio della nuova moneta era arrivato a febbraio, oggi ne è arrivata solo l’ufficialità. Amazon permetterà di acquistare contenuti sul suo AppStore con i Coins, moneta digitale creata da Jeff Bezos, il numero uno del sito di e-commerce.

La nuova moneta è attualmente disponibile solo negli Usa e per celebrare l’arrivo di questa novità Amazon ha regalato a tutti gli utenti 500 Coins, corrispondenti quindi a 5 dollari. Chiunque acquisti dei pacchetti di monete virtuali, inoltre, otterrà uno sconto del 10% e Mike George, Vice president della divisione App e Giochi di Amazon, promette che in futuro ci saranno varie iniziative che consentiranno di guadagnare, e spendere, i Coins.

I Coins potranno, inoltre, essere guadagnati in futuro anche tramite acquisti su Amazon o promozioni dedicate. La nuova moneta è nata per cercare di incrementare il traffico sullo store, facilitando l'acquisto delle app e dei contenuti aggiuntivi presenti su appStore, che si è aperto ad altri 200 Paesi, e sconfiggere cosi la concorrenza dell’App Store di Apple, che ha regalato una gift card da 10mila dollari a colui che ha scaricato l’app 50 miliardi, e Google Play, che sta raggiungendo la Mela per numero di download.

Ma le novità firmate Amazon non finiscono qui: la compagnia di Seattle, infatti, sta lavorando al progetto di uno smartphone 3D con il quale effettuare l’ingresso nel mondo degli smartphone.

Secondo le indiscrezioni, Amazon l’ innovativo smartphone dovrebbe montare uno schermo che consentirà di riprodurre delle immagini tridimensionali (in pratica degli ologrammi), che saranno visibili senza l’uso degli occhialini appositi come succede nei cinema.

Inoltre, sarà possibile comandare il movimento dei contenuti attraverso lo sguardo. In passato, anche la Nintendo ha sviluppato una versione ad-hoc della sua consolle DS per giocare in 3D, mentre di recente HTC e LG hanno provato a realizzare degli smartphone olografici.

Il vantaggio di Amazon nella realizzazione di questo progetto è, però, rispetto ai concorrenti, la possibilità di sfruttare la sua libreria di contenuti composta da libri, film, album musicali e altre opere multimediali e che costituisce da sempre uno dei suoi principali punti di forza.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il