BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Breakout Atari: il celebre gioco nascosto su Google Immagini

Atari festeggia 37 anni: il celebre gioco su Google



Festeggia 37 anni Atari, l'ormai celebre gioco che mira a distruggere un muro colorato colpendo i mattoncini con una palla, cercando di respingerla con la barra in grado di spostarsi da destra a sinistra.

Google ha creato per l'occasione un easter egg che regalerà ore di divertimento puro. Breakout si basa su un gioco del 1972 chiamato Pong e per provare il gioco si può andare su Google e digitare le parole ‘Atari Breakout’ e compariranno delle immagini e delle foto che basterà cliccare per vederle trasformarsi nella schermata di gioco iniziale.

A partire da questo momento l'utente può controllare la racchetta che si sposta a destra e sinistra in basso nello schermo per una partita improvvisata. Molto semplice da svolgere, videogioco venne distribuito a partire dal 1976 nelle sale gioco di tutto il mondo, successivamente ne vennero realizzate numerose varianti dedicate ai dispositivi più disparati, compresi i device mobili come smartphone e tablet.

La storia di Breakout è legata ai due celebri nomi di Steve Jobs e Steve Wozniak, prima ancora che fondassero Apple. Nel 1976 Jobs era assunto in Atari ed era stato incaricato di creare un prototipo di Breakout a partire da un'idea del gioco concepita da Nolan Bushnell e Steve Bristow: il compenso sarebbe stato di 750 dollari fissi più 100 dollari per ogni chip in meno impiegato, sotto la soglia di 50.

Jobs convinse Wozniak ad aiutarlo nell'impresa: lui non dormì per 4 giorni di seguito ma riuscì a completare il gioco, hardware e software, impiegando solamente 42 chip.

Si narra che Jobs diede a Woz solo la metà del compenso fisso, cioè 375 dollari, tenendo per se il premio di 800 dollari extra per l'impiego di 8 chip in meno rispetto alla soglia indicata. Wozniak scoprì la truffa dell'amico e del socio Jobs solo diversi anni dopo.

Ma per il design ridotto al minimo e la complessità della progettazione, Atari non usò il prototipo di Woz per avviare la produzione industriale e ricostruì completamente Breakout che, pur rimanendo identico per gameplay e dettagli a quello di Wozniak, era basato su un hardware che impiegava ben 100 chip.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il