BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Multe non saranno riscosse Equitalia. E non si pagheranno in 6mila Comuni

Multe Equitalia non si pagheranno più: come e quando scatterà il blocco



Scatta da lunedì prossimo 20 maggio il blocco della riscossione multe da parte di Equitalia, ma per fornire qualche chiarimento in più, è bene sapere che il blocco della riscossione riguarda solo Comuni e Province, per cui si fermeranno le procedure relative alle infrazioni accertate dagli agenti di polizia locale (cioè vigili urbani e personale delle Polizie provinciali); quelle rilevate dagli altri organi di polizia stradale sono di competenza statale.

Bisogna poi considerare quando si è commessa l'infrazione e in questo caso valutare i tempi non è smplici, considerando che il Codice della strada (articolo 206) si limita a dire che, quando trascorrono i termini per il pagamento, la somma va messa a ruolo (cioè nell'elenco degli importi da incassare) e che il ruolo poi passa all'agente della riscossione.

Ma non basta semplicemente non pagare per farla franca, bisognerà, infatti, attendere che i nuovi soggetti incaricati diventino operativi. Da lunedì prossimo, infatti, in sei mila Comuni, i cittadini multati non saranno più tenuti a pagare le contravvenzioni.

Equitalia ha, infatti, scritto nei giorni scorsi ai sindaci per chiedere di non inviare più ruoli a partire dal prossimo 20 maggio. Dal primo luglio, infatti, la legge prevede che Equitalia cessi le attività di riscossione per gli enti locali, per cui le nuove cartelle non avrebbero alcuna possibilità reale di arrivare in tempo alla riscossione e si trasformerebbero esclusivamente in costi amministrativi per i Comuni, che dovranno comunque pagare il lavoro di Equitalia.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il