BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Blocco stipendi dipendenti pubblici e statali 2014 con nuovo decreto. Commissione è favorevole

Commissione favorevole a decreto su blocco stipendi. Critiche da Sel



La Commissione Bilancio ‘valuta favorevolmente lo schema di deccreto’ che proroga il blocco degli stipendi fino al 31 dicembre 2014. Il blocco degli stipendi per i dipendenti pubblici coinvolge anche il mondo della scuola, da cui proverrà un terzo del risparmio che sarà nel complesso di 30milioni di euro per il 2013, 740 per il 2015, 370 a decorrere dal 2016.

Il nuovo regolamento prevede la proroga, fino al 31 dicembre 2014, del blocco della maturazione delle posizioni stipendiali e dei relativi incrementi economici previsti dalle disposizioni contrattuali vigenti; il blocco, senza possibilità di recupero, delle procedure contrattuali e negoziali ricandenti negli anni 2013-2014; il blocco del riconoscimento degli incrementi contrattuali eventualmente previsti a decorrere dal 2011; il blocco, senza possibilità di recupero, del riconoscimento di incrementi a titolo di indennità di vacanza contrattuale. Saranno salvi, invece, gli stipendi superiori a 90.000 euro e 150.000 euro lordi annui, sulla riduzione dei trattamenti economici del 5 e del 10%.

La posizione della Commissione ha chiaramente suscitato polemiche, soprattutto da parte dei Sel, che ritiene che “la proroga del blocco della contrattazione e degli automatismi stipendiali per i pubblici dipendenti avrà ulteriori effetti recessivi per l'economia italiana, comportando un'ulteriore riduzione della domanda interna”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il