BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Consiglio dei Ministri oggi venerdì 13 Maggio 2013: imu e cassaintegrazione in deroga

Attesa per le decisioni del Cdm: cosa cambierà per Imu di giugno e cassa integrazione



In discussione in Consiglio dei Ministri oggi le questioni sospensione prima rata Imu per le abitazioni principali, il cui pagamento verrebbe così rimandato da giugno a settembre, e la questione rifinanziamento per la cassa integrazione in deroga, ormai in scadenza.

E c’è grande attesa per le decisioni che il governo prenderà. Ieri, alla vigilia del Cdm, il premier Enrico Letta ha fatto sapere “'Il decreto di domani non sarà il decreto dei miracoli ma contiene alcune scelte che ci consentono di avere 100 giorni di tempo per fare le riforme”, spiegando che si tratta di “riforme a favore delle imprese, delle famiglie, della lotta alla disoccupazione giovanile.

Parleremo con tutti e cercheremo di dare risposte a tutti, sulle imprese, sui terreni agricoli, sulla riforma degli strumenti di cassa integrazione. Speriamo di poter dare molte risposte. Ma non miracoli”.

Secondo quanto trapelato, sarebbero due le opzioni circa lo slittamento della prima rata Imu, una che prevede il suo pagamento a settembre, l'altra ad ottobre. Per quanto riguarda, invece, il rifinanziamento della cassa integrazione in deroga, il decreto che il Consiglio dei ministri approverà dovrebbe prevedere uno stanziamento di 700-800 milioni di euro.

Il Cdm si occuperà, dunque, di prima rata Imu ed eventuale sospensione per giugno solo per le abitazioni principali e del rifinanziamento per la cig in deroga.

Poi, in una seconda fase, una revisione complessiva della tassazione sulla casa, che riguarderà anche i beni strumentali delle imprese, e una riforma del sistema degli ammortizzatori sociali. In mezzo, nei piani del governo, l’uscita dalla procedura di infrazione per deficit eccessivo che libererà le risorse necessarie ai due interventi strutturali.

“Vogliamo fare scelte concrete e con i piedi per terra. E quindi farle passo passo, una dopo l’altra”, ha detto il premier Letta.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il