BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Decreto Governo Letta oggi: imu e cassaintegrazione. Le novità ufficiali

Via libera del Cdm a congelamento prima rata Imu e Cig per un miliardo di euro



Via libera dal Consiglio dei Ministri al congelamento del pagamento della prima rata Imu per le abitazioni principali e al rifinanziamento della cassa integrazione in deroga, per cui saranno stanziati un miliardo di euro e non più gli 800 milioni di cui si parlava prima della riunione del governo.

“Il decreto varato dal Cdm, dà le prime risposte che riguardano le famiglie, le imprese i lavoratori. Dentro un'azione già cominciata con il precedente governo con il decreto sui pagamenti P.a.”, ha detto il premier Letta al termine del Cdm.

Il presidente del Consiglio ha poi precisato: “Come primo intervento viene sospesa la rata Imu che le famiglie dovevano pagare e non dovranno più pagare a giugno. Poi ci sarà tempo fino a 31 agosto, entro il quale  governo e maggioranza faranno la riforma dell'Imu”.

E ha aggiunto: “Dentro il testo c'è un'attenzione molto forte alle imprese perchè si indica fra le priorità della riforma dell'Imu la previsione di forme di deducibilità dell'imposta pagata sugli immobili" per attività produttive”. Per quanto riguarda l'Imu, il provvedimento fissa congela il pagamento della rata di giugno della tassa sulla prima casa, sugli alloggi popolari e per i terreni agricoli e i fabbricati rurali fino al 16 settembre. Se entro il 31 agosto non verrà adottata una riforma complessiva della tassazione sulla casa si tornerà a pagare.

Letta ha spiegato: “Il perimetro che abbiamo indicato toglie tutte le categorie che hanno a che vedere con gli immobili di pregio, le abitazioni signorili, esclude terreni agricoli e fabbricati rurali, costituisce un perimetro che ci consente nei prossimi 100 giorni di fare la riforma dell'Imu.

Troverete nel testo un segno molto forte di attenzione alle imprese nella riforma dell'Imu, c'è la previsione di forme di deducibilità per le imposte pagate per attività produttive”.

Oltre a Imu e rifinanziamento della Cig, il decreto sposta anche dal 31 luglio al 31 dicembre la scadenza dei contratti per i precari della P.a. e la norma che fa ripartire la logica dei contratti di solidarietà .

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il