BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Parlamentari pagati dalle lobby: video inchiesta delle Iene

Parlamentari pagati da lobby. Il presidente del Senato: “Chi sa denunci”. Il servizio alle Iene



“Ci sono senatori e onorevoli a libro paga di alcune multinazionali, le cosiddette lobbies. Ci sono le multinazionali che ogni mese con un loro rappresentante fanno il giro dei palazzi, sia al Senato che alla Camera, incontrano noi assistenti e ci consegnano i soldi da dare ai parlamentari per far sì che, quando ci sono degli emendamenti da votare, i senatori e gli onorevoli li votino a favore della categoria che paga. Secondo un tariffario”.

Questa la rivelazione di un assistente parlamentare a Palazzo Madama che ha raccontato alle Iene come gran parte dei senatori italiani vengano pagati dalle lobby.

E ha svelato importanti dettagli: “Per quel che mi riguarda, conosco due multinazionali, una del settore dei tabacchi e un’altra nel settore dei video giochi e delle slot machine ed entrambe elargiscono una 1.000 euro e un’altra 2.000 euro ogni mese.

Interessanti soprattutto le sale bingo: per queste si sarebbero formati due gruppi, partecipati sia da uomini del centro sinistra che da uomini del centro destra. Un gruppo farebbe capo a due ex ministri, entrambi del centrosinistra”.

Dopo la denuncia al programma di Italia Uno, il presidente del Senato Piero Grasso si è subito attivato per chiarire quanto raccontato e ha detto: “Se provato questo comportamento sarebbe gravissimo. Purtroppo la natura di denuncia, anonima nella fonte e nei destinatari, rende difficile procedere all'accertamento della verità".

E ha invitato: "Chi sa qualcosa sui parlamentari pagati farebbe bene a denunciare questi comportamenti gravissimi. Io mi adopererò per fornire agli inquirenti nel più breve tempo tutte le informazioni che riterranno utili alle indagini”.


Per visualizzare il video cliccare qui:

http://www.video.mediaset.it/video/iene/puntata/390060/roma-parlamentari-pagati-dalle-lobbies-.html

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il