BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Asteroide sfiorerà la terra il 31 Maggio. Telescopi pronti a controllare 1998 QE2

Il 31 maggio un asteroide sfiorerà la Terra. Nessun rischio secondo gli scienziati



Gli scienziati della Nasa prevedono che il prossimo 31 maggio passerà  a 5,8 milioni di chilometri dalla Terra l’asteroide 1998 QE2, esattamente alle ore 3 della notte.

Il corpo celeste è stato scoperto dai ricercatori della Nasa 15 anni fa. La distanza a cui transiterà è  circa 15 volte quella tra la Terra e la Luna. L’asteroide ha un diametro di 1,4 chilometri e se impattasse sulla Terra, potrebbe causare l’estinzione di massa, avendo dimensioni simili a quelle dell’asteroide che uccise i dinosauri.

Ma i ricercatori assicurano che la Terra non corre rischi. “Non dobbiamo farci prendere dal panico, ma prestiamo attenzione” annunciano dal Jet Propulsion Laboratory della Nasa che attraverso il Programma Neo monitora gli oggetti che orbitano attorno al nostro pianeta.

Gli scienziati non sono in grado di formulare ipotesi sulla sua provenienza ma la misteriosa sostanza fuligginosa che ne ricopre la superficie potrebbe farla risalire ai resti di una cometa che si è avvicinata troppo al Sole. Secondo gli scienziati, si tratterebbe di un asteroide immenso, della stessa grandezza di quello che ha estinto i dinosauri ma fortunatamente siamo in grado di seguirlo bene e siamo certi che non ci toccherà”.

QE2 offrirà la possibilità di osservare da vicino una roccia spaziale anche agli appassionati di astronomia vicini ai centri, dotati di un telescopio radar. L'astronomo Lance Benner, ricercatore principale di Goldstone ha detto “Ci aspettiamo di ottenere una serie di immagini ad alta risoluzione che potrebbero rivelarne la ricchezza delle caratteristiche di superficie”.

Il corpo celeste che sta per sfiorare la Terra sarà oggetto di osservazioni ad alta risoluzione da parte dei radiotelescopi di Goldstone e di Arecibo, che potrebbero rivelare una serie di caratteristiche superficiali.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il