BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Irap 2013 professionisti: chi deve pagare e chi no in dichiarazione dei redditi

Irap 2013: chi deve pagarla. I casi



L'Irap va pagata o no? E' questo il dilemma che attanaglia tanti professionisti e piccoli imprenditori. Secondo alcuni chiarimenti, l'Irap quest'anno non dovrà essere pagata dai responsabili di organizzazioni e da chi non ha dipendenti in pianta stabile o non utilizza beni strumentali in misura superiore rispetto al minimo necessario. Strada preclusa invece per le imprese familiari.

Più nel dettaglio, per quanto riguarda le imprese familiari, la collaborazione del familiare riesce a produrre quel valore aggiunto rispetto a quanto si genererebbe solo con l'apporto e il lavoro del titolare e per questo l'attività svolta sotto forma di impresa familiare è soggetta al pagamento dell'Irap.

Dovrà versare l'Irap il commercialista professionista che paga compensi a terzi per un importo pari a circa il 50% dei propri introiti, svolge attività di sindaco o attività di consulenza fiscale. Pagherà l'Irap anche lo studio associato di commercialisti in cui i partecipanti si offrono reciproca collaborazione, si sostituiscono nelle incombenze e occupano due segretarie part time.

Per risultare esenti dal pagamento Irap il commercialista, non dovrà avere dipendenti collaboratori in pianta stabile e un utilizzo non eccessivo di beni strumentali per lo studio. Stesse condizioni valgono per gli avvocati. Sarà determinante però il volume d’affari.

Potrà invece essere esente dal pagamento Irap il trasportatore che lavora senza dipendenti e collaboratori ed è intestatario di un solo autocarro; il taxista che lavora senza dipendenti e con il solo veicolo indispensabile per l'attività; e il promotore finanziario che usa un computer e un'auto.

Può evitare di pagare l'Irap anche l'ingegnere che lavora da solo, con beni di modesto valore e compensi occasionali a terzi, ha un reddito molto elevato. Dovrà, invece, pagarla chi possiede beni limitati ma eroga sistematicamente compensi a terzi per prestazioni relative all'esercizio dell'attività.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il