BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Stipendi bassi 2013 in Italia: Riforma Lavoro o nuovo piano Governo Letta per alzare buste paga

Alzare i salari degli italiani: come fare con nuovo governo



Gli stipendi degli italiani risultano essere decisamente bassi, appesantiti dalle troppe tasse e allora il governo studia un piano per far crescere i salari più bassi.

Già nei giorni di cosiddetto ritiro nell'abbazia di Spineto, il governo aveva annunciato di voler studiare misure per dare respiro alle buste paga dei lavoratori italiani ed è, dunque, probabile che un eventuale taglio al cuneo fiscale si concentrerà soprattutto sui redditi medio-bassi.

E’ bene sapere che in Italia non esiste un salario minimo stabilito dalla legge, cosa che invece esiste in altri Paesi, i livelli delle retribuzioni vengono per lo più regolati dai contratti collettivi di lavoro, firmati nei singoli settori dalle imprese e dai sindacati, che stabiliscono una soglia di base per la busta paga.

Ma, secondo alcune analisi, ben il 13% dei dipendenti italiani riceve probabilmente un salario inferiore ai minimi contrattuali, con punte di oltre il 40% nel settore dell’agricoltura, del 30% nelle costruzioni e di oltre il 20% nelle attività artistiche e di intrattenimento o negli hotel e nei ristoranti, nonostante si dica che i salari minimi italiani stabiliti dai contratti collettivi siano tra i più alti d'Europa, almeno se vengono messi in relazione al potere di acquisto e al tenore di vita dei rispettivi paesi.

Il problema dell’Italia è però duplice: da una parte, infatti, ad incidere fortemente sul valore reale dei salari sono le troppe tasse da pagare, cosa che, di conseguenza, porta al fenomeno del lavoro in nero.

Per riportare, dunque, i salari su valori più alti, come sta pensando di fare il nuovo governo, bisognerebbe innanzitutto agire sul fronte del peso fiscale che si abbatte sulle buste paga, per poi, conseguentemente, cercare di abbassare il tasso di lavoro in nero, soddisfacendo i lavoratori con salari soddisfacenti quanto meno.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il