BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Cerca







Elezioni sindaco Roma 2013: Alemanno, Marino, De Vito, Marchini e programmi

Sindaco Roma: emergenza abitativa tra priorità candidati



Le elezioni per decretare chi sarà il prossimo sindaco di Roma si terranno i prossimi 26 e 27 maggio e i sondaggi degli ultimi giorni fondamentalmente danno un testa a testa fra il candidato di centrosinistra, Ignazio Marino, e quello di centrodestra, sindaco uscente di Roma, Gianni Alemanno.

Alfio Marchini sarà il candidato sindaco della lista civica Cambiamo Roma, appoggiato anche dalla lista In Rosa di Francesca Longo. Infine il Movimento Cinque Stelle ha candidato l’avvocato Marcello De Vito.

I sondaggi danno Marino in testa con il 35% dei consensi, seguito da Alemanno con il 32,8%. Più dietro De Vito con il 14,8% e Marchini con l’11,3%. Per saperne di più bisognerà conoscere i primi exit poll man mano che arriveranno i primi dati ufficiali sull’andamento delle votazioni, per conoscere le proiezioni di voto.

Spicca nei programmi dei principali candidati alla poltrona di Sindaco di Roma l'emergenza abitativa. Gianni Alemanno punta tutto sul Piano casa approvato dalla sua giunta qualche mese fa e precisa che attraverso questa disposizione avrebbe potuto “costruire circa 25 mila alloggi di edilizia popolare, ma che il feroce ostruzionismo dell'opposizione in consiglio, gli ha impedito di andare avanti.

Una soluzione che non piace agli altri candidati che non perdono occasione di ricordare che a Roma si è costruito abbastanza”. Il candidato 5stelle De Vito punta sull'acquisizione a patrimonio comunale delle migliaia di case sfitte ed invendute presenti sul territorio di Roma.

Ignazio Marino punta, invece, sulla chiusura residence che ancora oggi accolgono 1400 famiglie al prezzo di 30 milioni di euro l'anno: “Cancellando questo progetto, metterei a disposizione delle famiglie un bonus di 700 euro ciascuna per permettergli di cercare una casa vera. Potremmo assisterne il doppio con quei soldi”.

Il senatore del Pd parla anche della possibile cancellazione di alcune consulenze, con un risparmio di 70 milioni di euro che verrebbero sempre impiegati nel sostegno alle famiglie bisognose di una casa.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il