BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati: piano Ministro Giovannini per attuali già coperti e futuri

Come risolvere la questione esodati: soluzione una volta per tutte?



Governo pronto a risolvere una volta per tutte la controversa questione degli esodati che, nonostante i tre decreti varati dal precedente governo Monti a tutela di 130mila persone, ancora interessa ancora un numero di persone difficilmente stimabile.

Oltre ai 130 mila soggetti già salvaguardati, infatti, i dati della Cigl mostrano che sono rimasti esclusi almeno altre 100-150 mila persone. Numero che cresce secondo le stime della Ragioneria di Stato, che ne conta addirittura 300mila.

Il nuovo governo prevede allora di agire su un doppio fronte e cioè far arrivare effettivamente la tutela ai già salvaguardati e poi completare una mappatura della situazione reale, in modo da trovare una soluzione definitiva entro la fine dell'estate.

L'idea è quella di mantenere la salvaguardia per i 130mila lavoratori già individuati  interventi, e cioè quelli appartenenti alle prime tre platee di 65mila, 55mila e 10mila persone, permettendo loro di andare in pensione con i requisiti pre vigenti la nuova riforma Fornero e di prevede poi un ulteriore allargamento ma solo a circa 20-25 mila persone.

Questa nuova platea ristretta comprenderebbe solo una piccola parte di prosecutori autorizzati alla contribuzione volontaria entro il 4 dicembre 2011, la categoria dei lavoratori cessati dal servizio, aiutando anche coloro che sono stati licenziati senza un accordo con il datore di lavoro, e un altro gruppo di lavoratori in mobilità ordinaria.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il