BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riforma condominio 2013: le novità in vigore dal 18 Giugno

Come cambiano le regole condominiali dal prossimo 18 giugno: novità



Entrerà in vigore il prossimo 18 giugno la nuova riforma del condominio che presenterà novità per quanto riguarda gli amministratori, assemblee, gestione economica ed altri interventi.

Per quanto riguarda la figura dell'amministratore, sarà obbligatorio quando ci sono più di 8 condomini e resterà in carica 2 anni ma la sua nomina potrà essere rinnovata.

Per diventare amministratore di condominio, il ‘candidato, dovrà almeno essere in possesso di un diploma di scuola superiore ed aver frequentato un corso di formazione specifico per amministratori di condominio. Sarà l’assemblea a deliberare il suo compenso e lui sarà invece tenuto a specificare tutte le componenti del suo stipendio.

Avrà, inoltre, l’obbligo di stipularsi un contratto di polizza di responsabilità professionale. Il condominio sarà poi obbligato ad avere un proprio conto corrente bancario.

Per attuare cambiamenti che possono apportare innovazioni all’edificio, come la rimozione delle barriere architettoniche, apparecchiature di sicurezza, dispositivi a risparmio energetico o parcheggi, basterà il voto dell’assemblea col 50% + 1 degli intervenuti e 2/3 dei millesimi, mentre per quanto riguarda la manutenzione straordinaria, prima di procedere bisognerà costituire un fondo cassa speciale dello stesso importo dell’ammontare dei lavori.

Per l’istallazione di pannelli solari, non servirà, inoltre, più l’autorizzazione dell’assemblea condominiale, ma la stessa potrà comunque imporre cautele e vincoli architettonici, con la maggioranza di 2/3 dei millesimi.

Per quanto riguarda, invece, le assemblee, saranno abbassati i quorum, cosa che permetterà di facilitare la scelta sulle operazioni da compiere.

Per quanto riguarda poi la contestata discussione sugli animali, nessuno all’interno del condominio avrà diritto di vietare la presenza di animali domestici nelle abitazioni; mentre per la voce antenne, ogni condomino potrà a sua scelta installare un proprio apparato di ricezione televisiva.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il