BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu: acconto con regole poco chiare. Rischio errori

Via libera al pagamento Imu con le aliquote del 2012



Dopo aver approvato la sospensione del pagamento Imu a giugno per le prime abitazioni e relative pertinenze e gli immobili rurali, per cui ora tale pagamento viene prorogato da giugno a settembre, mentre dovrà essere regolarmente pagate entro giugno i proprietari di abitazioni secondarie, ville, castelli, abitazioni di lusso, palazzi di interesse storico o artistico, arrivano ora chiarimenti per quanto riguarda i versamenti da effettuare ed eventuali aliquote da calcolare.

Innanzitutto è importante chiarire che se entro il 31 agosto il governo Letta non avrà realizzato una riforma della tassa sui patrimoni immobiliari, l’Imu sarà pagata entro il 16 settembre 2013. Anche quest’anno per pagare la tassa sugli immobili ci si potrà servire del modello F24 o del bollettino postale.

Il versamento dell'acconto di giugno dell'Imu potrà essere calcolato in base all'aliquota e alle detrazioni in vigore lo scorso anno, quindi la prima rata, che scade il 17 giugno, si pagherà con aliquote e detrazioni 2012.

Alla scadenza prevista per il versamento potrebbero, infatti, non essere ancora note le aliquote e le detrazioni deliberate dal comune per l’anno in corso. Il D.L. n. 35/2013 approvato dalla Camera e ora all’esame del Senato, a meno di modifiche, prevede, infatti, che non vengano tenute in considerazione le aliquote deliberate dai Comuni per l’anno in corso.

Una nota precisa che ‘che l'emendamento in questione ha come finalità quella di semplificare al contribuente la determinazione dell'imposta, poiché alla scadenza prevista per il versamento della prima rata potrebbero non essere ancora note le aliquote e le detrazioni deliberate dal comune per l'anno in corso.

Pertanto, con la proposta emendativa il contribuente non è costretto a consultare il sito istituzionale del Ministero dell'Economia e delle Finanze due volte nell'arco delle stesso anno, come attualmente previsto dall'art. 10, comma 4, lett. b), del D. L. n. 35 del 2013’.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il