BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Parmitano è nello spazio. Video e messaggi dalla missione astronauta italiano

“Ciao mamma”: così l’astronauta italiano che sarà il primo a passeggiare nello spazio



L'avventura di Luca Parmitano, astronauta dell'Agenzia spaziale europea (Esa) e pilota sperimentatore dell'Aeronautica militare, sulla Stazione spaziale internazionale (Iss) è partita. Parmitano resterà per circa sei mesi in orbita a bordo della Stazione per la missione Volare dell'Agenzia spaziale italiana (Asi).

Con Parmitano, sulla Soyuz il comandante russo Fyodor Yurchikhin e l'americana Karen Nyberg. La Soyuz TMA-09M è partita dalla base russa di Baikonur, in Kazakhstan, dalla stessa rampa dalla quale decollò nel 1961 la Vostok con a bordo il primo cosmonauta della storia, Yuri Gagarin. Parmitano, il prossimo luglio, sarà il primo italiano a compiere delle passeggiate spaziali.

Luca dovrà, infatti, uscire all’esterno della Iss con un suo collega per effettuare operazioni di manutenzione e controllo, indossando lo scafandro Emu, utilizzato dagli astronauti americani sin dalle passeggiate fuori dallo space shuttle.

Il presidente dell'Asi, Enrico Saggese, nella cerimonia organizzata a Roma nella sede dell'Agenzia in occasione del lancio, ha detto scherzando: “Ho fatto tanto per farlo entrare sulla Stazione spaziale e lui poi esce”.

Dallo spazio, il pensiero di Luca è andato alla mamma e alla famiglia e ha detto, in alcuni messaggi videoregistrati e diffusi, ‘Ciao mamma’. Oltre alla mamma, ha salutato la moglie Kathryn e la figlia Sara, di sei anni. Era così sorridente che qualcuno su Twitter l'ha definito ‘l'uomo più felice del pianeta’.

La partenza di Parmitano e compagni segna l'inizio della Expedition 37, sotto il comando di Yurchikhin, che insieme a Nyberg e Parmitano manterrà la stazione come un equipaggio di tre persone fino all'arrivo di tre ingegneri di volo supplementari alla fine di settembre. Yurchikhin, Nyberg e Parmitano torneranno invece sulla Terra nel mese di novembre.

Durante questi mesi, l'equipaggio dovrà svolgere cinque passeggiate spaziali per preparare l'installazione del modulo laboratorio multifunzionale russo a dicembre, e il 9 novembre verrà effettuata una passeggiata spaziale per prendere la torcia olimpica dall'esterno.

Sempre in questi mesi, l'equipaggio assisterà all'arrivo di diversi veicoli cargo: l'Albert Einstein (Automated Transfer Vehicle-4 dell'Esa) nel mese di giugno, il cargo russo Progress a luglio e l' H-II Transfer Vehicle-4 giapponese ad agosto.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il