BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Abolizione finanziamenti partiti: è ufficiale. Ecco come sarà

Via libera all’abolizione dei finanziamenti per i partici: cosa cambierà



Approvato dal Consiglio dei Ministri di ieri il ddl sull’abolizione dei finanziamenti ai partiti. Il premier presidente del Consiglio, Enrico Letta, in un tweet ha spiegato che con la nuova legge sul finanziamento ai partiti ‘è abrogato il finanziamento pubblico e si passa all’incentivazione fiscale dei contributi dei cittadini’.

Secondo quanto previsto dal ddl, l’abolizione del finanziamento sarà graduale, entrerà a regime totale tra tre anni, nel 2017, quando terminerà l’erogazione del rimborso già previsto per le elezioni di quest’anno.

Il primo anno la riduzione dei rimborsi sarà al 60% e proseguirà in modo graduale scendendo al 50% il secondo anno e al 40% al terzo. “Ci dovrà essere per forza di cose un periodo transitorio, perché esattamente legato alla transitorietà con cui arriveranno i finanziamenti dei privati”, ha spiegato il ministro per le Infrastrutture Maurizio Lupi, al termine del Consiglio dei ministri.

Il ddl, ha aggiunto Lupi, è l’”attuazione dei principi che avevamo approvato in Consiglio dei ministri, una completa e assoluta rivisitazione del finanziamento dei partiti, dove non ci sarà più il finanziamento pubblico ma il contributo da parte dei privati con agevolazioni fiscali”.

Dunque, in futuro, il finanziamento pubblico sarà sostituito dalle donazioni dei privati cittadini. Il ddl prevede che la contribuzione dei simpatizzanti, fissata al 2 per mille, prenda il via a partire dal 2016.

Solo i partiti che adotteranno un regolare statuto, garanzia di trasparenza e democrazia interna, saranno ammessi ai benefici e potranno ricevere erogazioni volontarie fiscalmente detraibili, destinate attraverso il due per mille e usufruire gratuitamente di spazi e servizi per la comunicazione. Il Ddl prevede donazioni che saranno favorite da una serie di sgravi: fino a 5mila euro si potrà detrarre il 52% dell'importo donato, fino a 10mila il 26%.

I migliori Prestiti personali senza busta paga e finanziamenti DICEMBRE 2016. In questo articolo proponiamo i migliori finanziamenti senza bisogno di presentare la busta paga e senza garanzie, ma anche prestiti personali, finanziamenti per attività e liberi professionisti con bassi tassi d'interesse.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il