BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Bonus 65% casa risparmio energetico e ristrutturazioni: quando e per cosa vale. Come fare domanda

Proroga bonus per ristrutturazioni: come fare e interventi per ottenere beneficio



E’ stata confermata venerdì scorso, al termine del Consiglio dei Ministri, la proroga dei bonus fiscali per le ristrutturazioni e il risparmio energetico. L'ecobonus approvato dal Consiglio dei ministri è pari al 65%, per cui l'aliquota dell'ecobonus sarà detraibile al 65% invece dell'attuale 55%.

Inizialmente la bozza indicava una quota del 75%, ma la proposta non è stata accolta dal ministro dell'Economia, che ha chiesto l'abbassamento al 65%. Il decreto legge prevede che il bonus per l'efficienza energetica venga prorogato dalla fine di giugno al 31 dicembre 2013.

Chi, dunque, opererà interventi volti al risparmio energetico, dal prossimo luglio e fino a fine dicembre 2013,potrà usufruire di uno sconto pari al 655 degli interventi realizzati. Sono tuttavia previste modifiche rispetto all’attuale bonus, che, ricordiamo è ancora valido per gli interventi che si dovessero effettuare e pagare entro il 30 giugno prossimo.

Con il nuovo bonus, alcune categorie di lavori non riceveranno più gli incentivi, si tratta di interventi come l’installazione di pompe di calore e di impianti geotermici. L’agevolazione invece sarà prorogata fino a fine anno, al 65%, per l’installazione di pannelli per l’acqua calda alimentati da energia solare; per gli impianti di climatizzazione, come le caldaie a condensazione; per l’isolamento delle pareti o la coibentazione dei sottotetti che impedisce la dispersione termica; per l’installazione di finestre e infissi che aumentano l’efficienza energetica dell’abitazione.

Bonus al 65% anche per gli interventi sulle abitazioni che producono un risparmio energetico. I valori differiscono da intervento a intervento: ad esempio per la riqualificazione energetica di edifici esistenti, la detrazione è pari a 100 mila euro dunque la spesa massima scende da circa 182 mila euro a 154; per gli interventi su edifici esistenti, come la coibentazione dei sottotetti o i nuovi infissi, il tetto resta 60 mila euro, dunque la spesa massima cala da 110 mila euro a 92.

Stesso discorso per l’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda, mentre per gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione e contestuale messa a punto del sistema di distribuzione, la detrazione spetta fino a un valore massimo di 30 mila.

Per ottenere il beneficio bisognerà dimostrare di aver effettuato le spese per cui si richiede il bonus entro il periodo indicato ed effettuare il pagamento con bonifici bancari o postali da cui risulti chiaramente la causale del versamento e in cui vengano riportati altrettanto chiaramente codice fiscale di chi sostiene la spesa per l’acquisto degli arredi, codice fiscale di chi riceve il pagamento o la sua partita Iva.

Ristrutturazione Casa BONUS e DETRAZIONI. Vediamo quali sono i bonus, le detrazioni e le agevolazioni fiscali disponibili ora per la ristrutturazione di immobili di proprietà, in affitto e per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il