BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Nuova Sars i casi in Italia 2013:rischi reali di contagio e morte.Come si prende la nuova influenza

Nuova Sars: cos’è e sintomi. I casi



Cresce il bilancio nei mesi di maggio e giugno 2013 dei casi infetti da nuova Sars. Più precisamente si chiama Coronavirus, e si è diffuso a partire dagli Emirati Arabi.

Il coronavirus appartiene alla stessa famiglia del virus del comune raffreddore e ha provocato la diffusione della Sars che, partita dall’Asia, si è diffusa in molti Paesi nel 2003, provocando la morte di 775 persone.

Per la nuova Sars, l'allarme dagli Emirati Arabi si era spostato a inizio mese in Francia, quando è stato individuato il primo caso di un nuovo ceppo del coronavirus. In Francia la persona contagiata era tra quelle tenute sotto controllo, avendo condiviso la stanza d’ospedale con il primo malato, un uomo di 65 anni rientrato da una vacanza a Dubai.

Dalla Francia, il virus è arrivato anche in Italia ma ad averlo contratto non è un italiano: un caso si è registrato in Toscana, dove sembra stiano migliorando le condizioni dell'uomo ricoverato all'ospedale Careggi di Firenze. Il 45enne, che ha contratto il coronavirus, è sempre in isolamento.

Anche le altre due persone, una nipotina dell'uomo e una donna, entrati in contatto stretto con il primo caso italiano di infezione da MERS CoV, stanno bene. Sia la donna, collega dell'uomo, che la bimba di un anno e mezzo, ricoverata all'ospedale pediatrico Meyer, sono precauzionalmente ricoverati in isolamento.

“Era comunque da tempo che i laboratori del reparto di malattie infettive dell’AOU Careggi erano pronte ad affrontare la nuova Sars”, ha spiegato Alessandro Bartoloni, responsabile del reparto di malattie infettive e tropicali dell’ospedale fiorentino.

“L’allerta epidemiologico internazionale era scattato più di un anno fa, nell’aprile del 2012, proprio dalla Giordania. Eravamo dunque pronti da tempo per questo virus. Quando è arrivato in ospedale il primo paziente, appena rientrato dalla Giordania e con tutti i sintomi, subito lo abbiamo sottoposto al tampone e abbiamo individuato il coronavirus”.

La nuova Sars si manifesta con febbre alta, raffreddore, tosse forte, sintomi che, ha precisato lo stesso Bartoloni, sono molto simili a numerose infezioni virali che per tutto l’inverno ma anche in queste settimane hanno colpito una gran fetta della popolazione.

Per questo i controlli specifici sul coronavirus sono stati effettuati solo sui contatti molto ravvicinati dei tre pazienti, che hanno trascorso con loro parecchio tempo.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il