BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Apple: iRadio con iOS 7 per la musica in streaming al WWDC 2013

Nuovo servizio musicale di Apple: è sfida a Pandora e Spotify



Anche Apple irrompe nel mondo della musica e si prepara a lanciare, in occasione della  conferenza degli sviluppatori in programma il 10 giugno a San Francisco, iRadio, nuovo servizio musicale che almeno inizialmente dovrebbe essere gratuito, e che sarà equipaggiato con iOS7.

Il New York Times rivela che si tratterà di un servizio di Internet Radio che permetterà agli utenti di creare vere e proprie stazioni radio virtuali a partire da un brano o da un artista.

Rimane da risolvere la questione dei diritti: Apple starebbe negoziando con tutti le principali etichette discografiche, in particolare con Warner Music, Universal e Sony, per trovare un accodo sul pagamento delle royalty.

L'obiettivo della casa della Mela è abbassare le trattenute legate allo sfruttamento dei diritti d’autore e alla pubblicazione per ogni brano, in ragione dell'enorme potenziale di iRadio sia in termini di bacino di utenti sia per quanto riguarda gli inevitabili incroci con iTunes.

Secondo il New York Times, l'azienda di Cupertino avrebbe, comunque, già firmato accordi con la Warner Music Group e con la Universal e sarebbe in trattative con altre case discografiche, prima fra tutte la Sony.

Il progetto di offrire un servizio di musica in streaming era in progetto da mesi, ma fino a pochi giorni fa Apple non era riuscita a trovare un accordo con le case discografiche, soprattutto per quanto riguarda l'acquisto dei diritti dei brani musicali e la percentuale sui ricavi.

Sempre secondo il New York Times, iRadio dovrebbe essere simile a Pandora, permettendo di ascoltare musica in streaming scelta sulla base dei gusti degli utenti.

Ed ecco, dunque, che la sfida tra servizi musicali ha inizio: Pandora, servizio non disponibile in Italia per questione di diritti d'autore, ha oltre 70 milioni di utenti, per lo più non pagamento, ma sono in rapida ascesa Spotify e Clear Channel Communications. Ora ci sarà anche Apple.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il