BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Punteggio bonus maturità 2013: i calcoli. Richiesta sospensione a Ministro Carrozza

Congelare bonus maturità: le richieste dei rettori



Alle soglie dell'inizio degli esami di maturità 2013 scoppia la polemica sui cosiddetti Bonus maturità, che in molti chiedono di congelare, a partire dal presidente della Crui, Marco Mancini, che ha espresso la propria più viva preoccupazione in merito alla vicenda dei test per i corsi a numero programmato, sulla cui valutazione incide anche il voto conseguito all’esame di Stato.

Secondo Mancini sarebbe necessarie probabilmente “una fase di riflessione in più prima di dare piena attuazione a quella parte del provvedimento che si occupa del punteggio correlato alla maturità e distribuito in maniera differente da scuola a scuola, fermo restando che lo spirito meritocratico nei confronti della carriera scolastica è assolutamente condivisibile”.

Secondo il presidente dei rettori, la cosa più opportuna da fare sarebbe mettere in atto un intervento normativo che bloccasse, come già avvenne in passato, l’applicazione immediata del provvedimento con riferimento ai dieci punti della maturità e consentisse di rivederne la complessa disciplina dei punteggi nelle scuole e altri elementi caratterizzanti.

Il test d’ingresso all’università vale un massimo di 90 punti se svoltotutto correttamente ed altri punti, da 4 a 10, possono derivare dal voto di maturità. Il decreto che disciplina la materia indica come requisito minimo per accedere al bonus, l’aver conseguito un voto di maturità pari o superiore a 80/100.

Il punteggio assegnato però dipende non dal voto in senso assoluto, ma va rapportato alla distribuzione in percentili dei voti ottenuti dagli studenti che hanno conseguito la maturità nella stessa scuola nell’anno scolastico 2011-12. E sono proprio questi percentili a generare confusione.

Ciò che si chiede è dunque congelare questi Bonus maturità in vista di una revisione. Intanto, il ministro dell’Istruzione, Maria Chiara Carrozza, già intervenuta sulla questione, ha ammesso che la normativa in materia ha bisogno di essere semplificata e ha detto “Sto ricevendo tantissimi appelli e lettere di giovani su questo tema, la cui normativa deve essere semplificata, altrimenti ci esponiamo a discussioni”.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il