BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu 2013: calcolo. Come fare

Come sapere quanto di Imu con nuove regole



E’ stato congelato il primo pagamento dell’Imu di giugno, rimandato ora a settembre, ma non per tutti. Prima di spiegare come funziona la tassa quest'anno, chi è tenuto e pagare e chi no, almeno per giugno, vi indichiamo un link utile per sapere quanto bisognerà pagare di Imu. E', infatti, possibile grazie a questo calcolatore IMU online di conoscere la somma da versare inserendo semplicemente il comune e il valore catastale (nel calcolatore viene spiegato come ottenerlo se non si conosce), dopodichè sarà possibile scaricare e stampare il Modulo F24 o il Bollettino Postale per il pagamento.

Per quanto riguarda il pagamento, anche quest’anno, per pagare la tassa sugli immobili ci si potrà servire del modello F24 o del bollettino postale, che scatterà, tra l'altro, in automatico, non appena compilato il modulo apposito.

Saranno esenti da pagamento di giugno solo proprietari di prime abitazioni, di unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, alloggi regolarmente assegnati dagli Istituti autonomi per le case popolari (Iacp), e fabbricati rurali.

Se ne riparlerà a settembre, forse, a meno che, entro il 31 agosto, il governo non vari effettivamente come annunciato una riforma dell’Imu. In questo caso, la tassa sugli immobili per le prime abitazioni potrebbe venire meno definitivamente.

Dovranno, invece, pagare la tassa come inizialmente stabilito entro il termine fissato per giugno i proprietari di seconde abitazioni, ville, abitazioni di lusso, palazzi di interesse storico o artistico, e castelli.

Per questi immobili, per sapere quanto pagare di Imu, si parte dalla rendita catastale, rivalutata del cinque per cento che va poi moltiplicata per un coefficiente variabile a seconda della tipologia dell' immobile, invariato rispetto al 2012 tranne che per i fabbricati strumentali di categoria D.

Poi bisogna applicare l’aliquota, stabilita dai diversi Comuni, alla base imponibile ottenuta. Ricordiamo che la rendita catastale, da non confondere con il valore di mercato dell'immobile, è reperibile nella dichiarazione dei redditi o direttamente online sul sito dell'Agenzia del Territorio.

L’Imu sulle case diverse dall’abitazione principale pagheranno un’aliquota ordinaria del 0,76% che potrà subire variazioni pari a 0,3 punti in più o in meno a discrezione dei singoli comuni e che potrà quindi oscillare tra lo 0,46% e l'1,06%.

Considerando che i Comuni in molti casi non hanno ancora comunicato le nuove aliquote, in questi casi si deve pagare esattamente la metà di quanto pagato nel 2012.

Il conteggio deve essere effettuato verificando la somma totale pagata l'anno scorso e dividendo per 2. Le aliquote 2013 del Comune si utilizzeranno per il saldo a dicembre.

Chi ha comprato casa nei primi mesi del 2013, o nel corso del 2012, valutare quanto pagare di imposta con le regole del 2012, considerando l'importo ottenuto all'anno e versando ora il 50% dell'imposta dovuta per i mesi di possesso nel 2013.

In generale, comunque, è bene specificare che, a prescindere dall’acconto e da chi o meno dovrà versarlo a giugno, sono tenuti al pagamento dell’Imu, obbligatoriamente, tutti i proprietari di immobili situati sul territorio italiano e tutti coloro che su di essi sono titolari di un diritto reale di godimento, come l'usufruttuario o chi ha un diritto d'abitazione.

In caso di separazione o divorzio, deve versare l'imposta l'ex coniuge affidatario della casa coniugale, anche se non proprietario, che fruisce della sospensione a condizione che vi dimori abitualmente e vi risieda anagraficamente. 

L'Imu deve essere versata anche dalle società per tutti gli immobili posseduti, anche se utilizzati nell'esercizio della propria attività e anche se si tratta di immobili costruiti per la vendita.

Nel caso di più comproprietari, poi, l'imposta deve essere pagata da ciascuno in proporzione alla propria quota e con versamenti separati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il