BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Contratti dipendenti pubblici bloccati 2014 ma nuovo codice comportamento statali diventa ufficiale

Approvato nuovo codice di comportamento dipendenti pubblici: cosa prevede



Mentre è stato ufficialmente confermato il blocco degli stipendi di statali e dipendenti pubblici fino al 31 dicembre 2014, è stato anche approvato un nuovo codice comportamentale che gli stessi dipendenti pubblici dovranno seguire.

Il nuovo codice di comportamento, già pubblicato, tra l'altro, in Gazzetta Ufficiale, prevede l’estensione della rispettiva applicabilità non solo ai lavoratori subordinati delle pubbliche amministrazioni, ma anche confronti di tutti i collaboratori o consulenti, con qualsiasi tipologia di contratto o incarico e a qualsiasi titolo, di tutti i titolari di organi e/o incarichi negli uffici di diretta collaborazione delle autorità politiche, e infine anche nei confronti dei collaboratori, a qualsiasi titolo, di imprese che forniscono beni o servizi e che, viceversa, realizzano opere a vantaggio dell’amministrazione.

Le forme contrattuali che disciplinano i rapporti con queste categorie di soggetti dovranno rispettare appositi requisiti, comprese appropriate disposizioni o clausole di risoluzione o decadenza del rapporto lavorativo,  qualora dovessero venire violati gli obblighi previsti dal codice.

Previsto anche il divieto di chiedere tanto per se stessi quanto per terzi, regali o utilità di altro tipo. I regali possono essere  ammessi solo nel caso in cui configurino ‘omaggi’ d’uso di modico valore, nell’ambito delle relazioni di cortesia. I regali così come le stesse utilità non possono comunque, a titolo valoriale, superare i 100 euro.

Il nuovo codice contempla anche il divieto per i dipendenti di assumere incarichi di collaborazione da soggetti privati che abbiano, o abbiano avuto durante il biennio antecedente, un coinvolgimento economico significante in attività o disposizioni attinenti all’ufficio di appartenenza.

Il codice, per la prima volta, contiene anche una specifica sezione riservata ai dirigenti, che prevede che siano tenuti a notificare il possesso di partecipazioni azionarie o, comunque, la detenzione di interessi, anche da parte del coniuge, in società o soggetti che abbiano assidue relazioni con gli uffici da loro amministrati.

I dirigenti devono fungere da esempio per il restante personale. Nel caso in cui le disposizioni del nuovo codice non venissero osservate, potrebbero venire meno gli incentivi individuali.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il