BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Redditometro 2013: quando, come e su quali voci di spesa e reddito avvengono i controlli

Voci di spesa controllate dal nuovo redditometro e retroattività: come funziona



Auto, casa, conti correnti, prestiti, investimenti, donazioni familiari, vincite di giochi e lotterie, spese ordinarie effettuate, comprese quelle per la spesa, e per beni voluttuosi, come oggetti di lusso, spa e abbonamenti in palestra: queste le voci di spesa che finiranno nel mirino del nuovo redditometro.

L’opera di controllo precisa e capillare del nuovo strumento del Fisco entrerà in vigore in questo mese di giugno e avrà l’obiettivo di verificare spese, entrate, uscite e compatibilità dei contribuenti italiani. In particolare, dovrà verificare la congruità di quanto dichiarato dal singolo contribuente e quanto effettivamente speso.

Ne deriverà un risultato che, se dovesse manifestare uno scostamento significativo tra quanto dichiarato e quanto speso, farà scattare i controlli del Fisco. Ma, rispetto a quanto inizialmente previsto, quello in vigore da questo giugno sarà un redditometro in versione soft che non considererà le medie Istat per le spese per cibo, sia fatte al supermercato sia al ristorante; abbigliamento o calzature.

Le medie Istat saranno però prese in considerazione per i costi di gestione di un immobile (spese di condominio) o di un'automobile.

In caso di non congruità del contribuente, comunque, prima di procedere all’accertamento vero e proprio, l’Agenzia delle Entrate cercherà di evitare il contenzioso con i contribuenti, procedendo innanzitutto ad un incontro con il ‘sospettato’, che non prevederà più per il contribuente l'obbligo di fornire le prove, cioè gli scontrini delle spese dichiarate.

Ma si baserà su un semplice dialettico volto a fornire spiegazioni all’Agenzia. Se i dubbi del Fisco permangono anche in seguito al confronto, l'ufficiò proporrà l'adesione all'accertamento vero e proprio. Il nuovo redditometro sarà retroattivo all'anno di imposta 2009 e non potrà essere applicato ai periodi d’imposta antecedenti al 2009.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il