BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ristrutturazione casa bonus 55%-65% Governo Letta vale anche per i mobili. Tutte le novità

Bonus ristrutturazioni e mobili: come funzionano



L'eco bonus per poter beneficiare della detrazione del 65% per le ristrutturazioni edilizie è stato prorogato al 31 dicembre, ed esteso anche per l’acquisto di arredi fissi.

La detrazione per le ristrutturazioni edilizie sarà, dunque, valida fino al termine dell’anno in corso e con un limite massimo di spesa detraibile di 96.000 euro, suddivisi in 10 rate di pari importo annuali, e varrà anche per il mobilio acquistato che, però, per ricevere il bonus, deve essere impiegato esclusivamente per l’arredo dell’unità immobiliare oggetto di ristrutturazione.

Non possono, dunque, ottenere la detrazione coloro che decidono di cambiare solo l’arredamento senza altri lavori, cioè coloro che comprano mobili per arredare una abitazione di nuova costruzione e che quindi non è stata ristrutturata. Il governo ha pertanto deciso di includere anche gli arredi fissi e gli interventi per mettere gli edifici in regola con le normative antisismiche nelle detrazioni al 50%.

Lo sconto del 50% vale per le ristrutturazioni edilizie fino a un ammontare complessivo non superiore a 96.000 euro, rispetto ai 48.000 del vecchio bonus del 36% ed anche per il bonus dei mobili c'è un tetto massimo di spesa, che è di 10mila euro, e il bonus fiscale massimo è quindi di 5.000 euro.

Possono beneficiare del provvedimento tutti coloro che hanno avviato una ristrutturazione dal mese di luglio 2012. Secondo le stime, i due bonus avranno un effetto positivo sull'economia.

“Si prevede primo impatto macro superiore a un decimo di punto percentuale nella seconda metà dell'anno. E ci saranno, ha spiegato il ministro dell’Economia Saccomanni, benefici anche in futuro perché questi interventi potranno liberare il potere di acquisto delle famiglie”.

Ristrutturazione Casa BONUS e DETRAZIONI. Vediamo quali sono i bonus, le detrazioni e le agevolazioni fiscali disponibili ora per la ristrutturazione di immobili di proprietà, in affitto e per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il