BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Maturità 2013: tesine. Come fare a prepararla al meglio

Come preparare al meglio la tesina per la maturità: consigli



Tempo di esami di Maturità e tempo di grandi ripetizioni e preparazioni tesine: mercoledì 19 giugno, infatti, per migliaia e migliaia di studenti italiani prenderanno il via gli esami di Maturità 2013, che si apriranno con lo svolgimento della tradizionale prova di italiano.

Tale prova dovrà accertare la padronanza della lingua e si potrà scegliere se svolgere il classico tema su argomento di ordine generale o a carattere storico o letterario, l’analisi e il commento di un testo letterario o non, in prosa o poesia, un articolo di giornale o un breve saggio.

Il giorno successivo sarà la volta della seconda prova scritta, specifica per ogni indirizzo scolastico, mentre la terza accerterà la conoscenza degli studenti su diverse discipline per verificare le conoscenze sulle materie studiate nel corso dell’ultimo anno. Conclusesi le prove scritte sarà la volta del colloquio orale.

In sede d’esame, i candidati dovranno presentare una tesina che presenti un percorso tematico lineare e coerente spaziando fra tutte le materie del corso di studio.

Per quanto riguarda gli argomenti da scegliere per la tesina, è necessario anzitutto verificare che quello prescelto abbracci tutte le materia e possa essere affrontato in maniera coerente e non forzata.

La scelta degli argomenti si basa sul proprio programma di studio ma si può determinare a partire anche da riflessioni sull’attualità, su quanto accade nel mondo contemporaneo, tra evoluzioni e crisi e tornare indietro nel tempo, spiegando e trattando, purchè sia di respiro multidisciplinare.

Per creare collegamenti della tesina, inoltre, poiché a volte ci si blocca, seguendo unicamente percorsi tematici o temporali, è bene dire che le possibilità di creare collegamenti sono molteplici. Basta anche solo prendere spunto, in base all’argomento affrontato,  per creare una nuova discussione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il