L'italia rischia il declassamento del rating a causa dell'invecchiamento

Il crescente invecchiamento della popolazione italiana porterà ad intensificare la pressione sulle finanze pubbliche e il rating sul debito sovrano



"Senza una politica condivisa e riforme fiscali, il crescente invecchiamento della popolazione italiana porterà ad intensificare la pressione sulle finanze pubbliche e il rating sul debito sovrano".

Lo afferma l'agenzia di rating Standard & Poor's in un report dedicato all'Italia in cui avverte che "in assenza di ulteriori riforme la spesa previdenziale e assistenziale salirà al 24,3% del pil nel 2050, oltre il già eccezionale livello raggiunto nel 2005 al 22%".

In questo scenario il deficit e il debito, secondo S&P's, "potrebbero salire fino a raggiungere il 12% e il 220% del pil rispettivamente, tra la meta del 2020 e il 2050".

Ti è piaciuto questo articolo?





Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini Fonte: pubblicato il