BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Test Università 2013 a settembre: nuove date. Aperte di nuovo iscrizioni. Nuovi criteri possibili

Rimandati di nuovo a settembre i test d’accesso alle Facoltà a numero chiuso: come fare



Da luglio a settembre: rimandati i test di ingresso per accedere alle Facoltà universitarie a numero chiuso. Qualche tempo fa il ministero dell’Istruzione aveva comunicato che quest’anno i test si sarebbero svolti subito dopo il conseguimento del diploma, a luglio e le date fissate erano il 23 per Medicina e Odontoiatria, accorpati; il 24 per Veterinaria e il 25 per Architettura.

Ma la decisione del Miur di fa sostenere i test in piena estate aveva scatenato parecchie polemiche, considerando i tempi ristretti di preparazione a disposizione degli studenti appena terminati dagli esami di maturità. Ora il dietrofront e nei prossimi giorni arriverà un nuovo decreto ad hoc per ristabilire le date delle prove di ammissione a settembre, come di consueto. 

Per quanto riguarda le nuove date, dovrebbero essere certe quelle del 3 settembre per i corsi magistrali a ciclo unico di Architettura, del 4 settembre per l’ambito sanitario, del 9 per medicina e Chirurgia, odontoiatria e Protesi dentaria, e del 10 per Veterinaria.

Entro il prossimo 25 giugno le università dovranno pubblicare i nuovi bandi annuali. Lo stesso giorno si riapriranno le iscrizioni sul portale Universitaly e le iscrizioni saranno aperte fino al 18 e luglio, mentre le tasse si potranno pagare fino al 25 luglio. Resta poi da vedere se lo svolgimento dei test seguirà le novità annunciate sempre dal Ministero tempo fa.

Si era, infatti, detto che i nuovi test non consisteranno più in ottanta quesiti, ma saranno sessanta, inoltre, mentre fino ad ora il tempo di svolgimento del test variava da facoltà a facoltà, d'ora in poi in tutte le università il tempo concesso ai candidati per completare il test dovrebbe essere di 90 minuti.

Delle sessanta domande, solo cinque verteranno sulla cultura generale, una decisione presa a seguito delle numerose polemiche presentatesi negli anni, secondo cui i contenuti di questi quesiti erano sovente estranei al corso di studi e ai programmi ministeriali.

Ci dovrebbero essere 25 domande di logica e il resto riguarderanno i temi specifici dell'indirizzo universitario scelto. Altra novità riguarda il voto preso alla Maturità, che avrà un suo peso nel punteggio finale, per premiare gli studenti più meritevoli. 

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il