Draghi e scudo anti-spread: difesa e spiegazioni alla Germania contraria

Il presidente Bce sullo scudo anti spread: “Usato per preservare la moneta unica”



Il presidente della Bce, Mario Draghi, difende a spada tratta il ‘suo’ scudo anti-spread, spiegando alla Germania fortemente titubante nei confronti della misura che il programma di acquisto dei bond governativi sarà usato per preservare la moneta unica e non per salvare un Paese dal default.

Mario Draghi spiega il suo operato ai cittadini tedeschi in un’intervista alla Zdf, alla vigilia del dibattimento presso la Corte Costituzionale di Karlsruhe sulla legittimità dell’ operazione Omt (Outright monetary transaction), il programma di acquisto dei titoli di Stato da parte della Bce, il cosiddetto scudo anti-spread.

La decisione della Corte arriverà solo dopo l’estate, probabilmente dopo le elezioni del 22 settembre, ma l’attenzione è già molto alta soprattutto in Germania.

Il presidente Draghi ha spiegato ai cittadini tedeschi, preoccupati per il costo delle crisi del debito in alcuni paesi europei, che con l’operazione Omt “il rischio è significativamente inferiore rispetto a un anno fa.

Noi non interverremo per assicurare in generale la solvibilità di un paese”, chiarendo che “Si ha bisogno di spread che corrispondano chiaramente alla situazione di base dei Paesi”.

“Io credo che la Bce si muova nel suo mandato e lo faccia nel modo giusto e con successo”, ha detto il ministro delle Finanze Wolfgang Schaeuble, e mantiene una linea piuttosto soft anche Jens Weidmann, il presidente della Bundesbank che guida il fronte dei contrari allo scudo anti-spread.

Draghi ha spiegato che con l’Omt “finora non si è speso un solo euro. Che il rischio per i contribuenti attraverso le misure Bce è chiaramente diminuito rispetto a un anno fa. Che non si uscirà dalla crisi facendo inflazione, questo lo garantisco io”.

Ti è piaciuto questo articolo?






Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marianna Quatraro pubblicato il