BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Decreto Semplificazioni Consiglio dei Ministri venerdì 14 Giugno 2013. Novità Governo Letta

Il governo su nuove semplificazioni: novità e proposte



Aumento dell'aliquota Iva a dicembre, sgravi fiscali per favorire l'occupazione giovanile, norme sulla liberalizzazione e semplificazione, dall'rc auto al settore energetico: allo studio le norme sul nuovo decreto Crescita. Il governo è al lavoro per attuare un pacchetto di misure tese alla semplificazione da una parte e alla liberalizzazione dall’altra.

Il pacchetto di misure allo studio dell’esecutivo prevede l’attuazione dei contratti base per la Rc auto e la dematerializzazione dei contrassegni assicurativi, ma anche incentivi e sgravi fiscali per favorire le assunzioni a tempo indeterminato.

Tra le altre novità in discussione, spicca la delega al governo per introdurre l'iter veloce per gli insediamenti produttivi strategici: un solo procedimento che fonderà tutte le autorizzazioni, permessi, nulla osta e altri atti amministrativi di assenso per dare all'imprenditore privato una reale garanzia di cantierabilità del proprio investimento.

Per quanto riguarda l'Iva, sono diverse le ipotesi al vaglio del governo, fra cui lo slittamento dell’aumento Iva dal 21 al 22%, da luglio a dicembre. Il premier Letta ha dichiarato: “Dico che ci proveremo a evitarlo ma che non lo decidiamo noi: quell’aumento nasce nel 2011”.

Altra ipotesi al vaglio del governo è congelare l’aumento Iva 22%, ma ritoccare l’aliquota Iva agevolata, Iva 4% e Iva 10%, o alzare l’aliquota anziché di un punto percentuale, di mezzo punto. Prevista poi per i sostituti d’imposta l'abolizione del modello 770 mensile, modifiche alle regole di applicazione della sostitutiva sulla rivalutazione del Tfr, e una riduzione degli adempimenti sulle comunicazioni obbligatorie dovute al fisco per le ritenute applicate su agli agenti.

Il capitolo di semplificazioni in materia di lavoro e previdenza prevede diverse misure, a partire dalla prevista riduzione degli adempimenti per la sicurezza in presenza di lavoratori assunti con contratto inferiore ai 50 giorni, all'invio online del certificato medico di gravidanza all'Inps e delle comunicazioni all'Inail.

Nel nuovo decreto Crescita potrebbe rientrare la revisione del credito di imposta per favorire la realizzazione di nuove infrastrutture. Confermate, infine, le due sole scadenze fisse all'anno delle date degli adempimenti amministrativi e fiscali (primo luglio e primo gennaio successivi all'entrata in vigore dei provvedimenti di legge) per ridurre gli oneri burocratici per cittadini e imprese.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il