BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu, iva, Semplificazioni, riforma lavoro, Tares: le novità del Decreto Governo Letta di Giugno

Le misure allo studio del nuovo governo: cosa prevedono per l’estate



Lavoro e occupazione, fisco, semplificazione, agenda digitale, riduzione degli incentivi per le rinnovabili, accelerazione dei pagamenti dei debiti della pubblica amministrazione: questo il pacchetto di misure sui cui sta lavorando il governo, le cui decisioni dovrebbero arrivare per fine giugno, e che dovrebbe consentirà all'Italia di fronteggiare la crisi e tentare il rilancio.

Diverse le questioni aperte, da quella ormai accesa dell’aumento dell’Iva dal 21 al 22% che dovrebbe scattare dal primo luglio, ma che il governo sta cercando di evitare per scongiurare un altro impatto negativo sui consumi e sulla crescita.

Tra le ipotesi allo studio quella di una revisione selettiva delle aliquote (che sono tre: quella superagevolata del 4%, quella agevolata del 10% e quella ordinaria del 21%) applicate alle varie categorie di prodotti e servizi; e quella di uno slittamento di qualche mese dell’aumento, ma anche questo va coperto.

Altra questione importante in discussione è l’emergenza occupazionale del nostro Paese: per cercare di arginare e risolvere il problema della disoccupazione giovanile, il governo sta preparando un decreto per fine mese, che dovrebbe contenere circa 400 milioni per finanziare il credito d’imposta sulle assunzioni dei giovani a tempo indeterminato.

Allo studio la riforma del lavoro part-time (più flessibilità), dell’apprendistato, e dell’accesso alla cassa integrazione in deroga (per evitare gli abusi). Per quanto riguarda poi la tanto discussa Imu, congelato il pagamento di giugno per le prime abitazioni, si attende ora il 31 agosto per vedere se il governo riuscirà davvero ad attuare una riforma dell'imposta sugli immobili.

E se il Pdl chiede l’abolizione totale della tassa sulle abitazioni principali, sembrerebbe più  realistica una sua riduzione, e il pagamento potrebbe essere legato al reddito familiare. E c’è poi il capitolo semplificazioni, dedicato ad alcune procedure amministrative per le imprese e i cittadini.

Per le imprese arriva la semplificazione delle norme sulla sicurezza del lavoro, di quelle sui contributi previdenziali (il Durc, documento unico di regolarità contributiva), le infrastrutture, gli appalti e sui permessi di costruire.

Infine, in discussione la voce Tares, la nuova imposta sui rifiuti che peserà non poco sui bilanci familiari dei cittadini italiani. La Tares sarà più cara della Tarsu, secondo le stime, di un miliardo e si pensa di agganciarla alla nuova Imu riformata e ridotta in base al reddito.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il