BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Decreto del Fare Governo Letta, riforma lavoro: tutti rimandati. No sabato Consiglio dei Ministri

Slittano decreto del Fare e riforma Lavoro: le misure previste per rilancio economia italiana



Non saranno presentati in Consiglio dei Ministri di domani, sabato 15 giugno, il decreto del Fare e le novità sulla riforma Lavoro, ma il governo varerà un decreto del fare prima del vertice europeo del 27-28 giugno.

Il provvedimento comprenderà misure fiscali, di semplificazione e liberalizzazioni, e sarà particolarmente incentrato sull'economia. Ad annunciare il nuovo decreto il ministro dei Rapporti con il Parlamento, Dario Franceschini, al termine del vertice a cui hanno partecipato anche il premier Enrico Letta, il vice Angelino Alfano e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Filippo Patroni Griffi.

Per quanto riguarda la questione lavoro, tra le priorità urgenti dell’esecutivo, il governo dovrebbe presentare circa 400 milioni per finanziare il credito d’imposta sulle assunzioni dei giovani a tempo indeterminato, e novità per su apprendistato, lavoro part-time e accesso alla cassa integrazione in deroga.

Il presidente del Consiglio, Enrico Letta, ha rilasciato una serie di dichiarazione che sembrano delineare sempre più nettamente le linee programmatiche del futuro decreto che privilegerà l’occupazione giovanile, cui verranno destinate le risorse disponibili, mediante un bonus che favorisca le assunzioni a tempo indeterminato di giovani.

Ci sono poi le questioni centrali di Imu e Iva, per cui oggi il governo ha dichiarato un dietrofront rispetto alle modifiche annunciate per mancanza di risorse. Così stando le cose, l’aumento di un punto percentuale dell’Iva, dal 21 al 22%, dovrebbe scattare dal primo luglio, e la cancellazione totale dell’Imu sulle abitazione principali non potrà essere messa in pratica.

Diverse poi le misure al vaglio su lavoro, novità fiscale, Iva e Imu, Tares. Allo studio una revisione delle norme antievasione per renderle più efficaci e verifiche incrociate con la banca dati dei conti bancari e finanziari.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il