BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tares: scadenza. Quando e come si paga tassa rifiuti. Tutte le novità

Come funziona la nuova Tares e chi deve pagarla



In vigore dal primo gennaio 2013, la nuova Tares è un'imposta sui rifiuti basata sulla superficie dell'immobile di riferimento, che ha come obiettivo la copertura economica per intero del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti del comune. La nuova Tares dovrà essere pagata da tutti coloro che occupano o detengono locali o aree scoperte.

La Tares interessa chiunque possieda o detenga locali suscettibili di produrre rifiuti, ma peserà in modo particolare sulle famiglie numerose e sulle imprese.

La Tares rispetterà due nuovi parametri che ne aggraveranno il peso sulle tasche dei contribuenti, perché dovrà coprire il 100% del costo del servizio sostenuto dai comuni, che oggi si ferma in media al 79% con picchi massimi che toccano il 91%; inoltre dovrà finanziare anche i servizi indivisibili forniti dall’ente locale come l’illuminazione pubblica, la manutenzione delle strade, la polizia locale, le aree verdi.

Le risorse necessarie per coprire tali spese verranno dall’aumento di 30-40 centesimi al metro quadro. In sostanza, il corrispettivo per i servizi indivisibili porterà un incremento stimato di circa il 14% per una famiglia di tre componenti, ma in caso d’adozione dell’aliquota massima può arrivare anche al 19%.

Per finanziare i servizi indivisibili, il Comune applicherà al tributo sui rifiuti una maggiorazione, pari a 30 centesimi (elevabile a 40) al metro quadrato. La Tares non dovrà essere pagata dal proprietario dell’immobile, ma dal residente dell’immobile stesso, perché l’imposta riguarda i servizi ritenuti a domanda individuale, cioè basati solo su chi usufruisce di un tale bene e non chi lo possiede, in teoria anche senza sfruttarlo.

La scadenza per il pagamento della prima rata della Tares dovrebbe essere il 30 giugno, anche se qualche tempo fa il governo aveva fatto sapere di voler far slittare tale pagamento al prossimo dicembre. Probabilmente si tratterà però solo del saldo finale.

Quattro le scadenze di pagamento della Tares che sono fissate per il 1 luglio, il 6 settembre, il 31 ottobre e il 31 dicembre 2013. Per pagare la Tares ci si potrà servire o dei modelli F24 o dei bollettini postali.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il