Esodati: pensioni per quasi nessuno anche tra salvaguardati decreto Fornero

Pochissimi gli esodati che ad oggi hanno effettivamente ricevuto la pensione: la situazione



Sono diverse le proposte in ballo per cercare di risolvere definitivamente la questione esodati di cui si discute ormai da mesi ma, nonostante tali e proposte e i diversi dibattiti aperti, tutto sembra ancora tacere.

E mentre il nuovo governo lancia un nuovo piano di pensioni flessibili per attutire la situazione attuale degli esodati e limitarne il numero, tutto sembra ancora fermo anche per quanto riguarda i cosiddetti salvaguardati individuati dai tre decreti varati dall'ex governo Monti che hanno tutelato 130 mila persone.

In realtà, di questa platea, quasi nessuno ha effettivamente percepito la pensione che avrebbe dovuto avere. In base agli ultimissimi dati Inps, al 10 giugno 2013, solo l’8% di coloro che hanno presentato domanda di pensione allo Stato hanno finora effettivamente riscosso una vera e propria pensione e sono solo 11.384 i salvaguardati che, ad oggi, hanno raggiunto la conclusione del lunghissimo iter per rientrare nelle tutele previdenziali dello Stato, a fronte dei 130.130 presi in carico.

I dati diffusi dall’Inps riguardano solo il primo decreto e l’Inps, in merito, specifica che le situazioni prese in carico a livello di certificazione sono 62mila sulle 65mila preventivate, meno 4,6% rispetto alle previsioni iniziali.

La tipologia dominante per numero di ammissioni alla tutela governativa è quella dei lavoratori in mobilità ordinaria, addirittura in esubero rispetto alle intenzioni iniziali: oltre 26mila casi ammessi contro i 25.500 messi in conto dal decreto.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il