BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Azioni e obbligazioni europee Giugno 2013 mentre si esce da investimenti mercati emergenti

Tornare ad investire nel Vecchio Continente: i consigli dei gestori



Si può tornare ad investire in azioni e obbligazioni europee oggi: secondo Wahid Chammas, manager di un fondo azionario europeo come lo Janus Europe Fund, come riportato su CorrierEconomia, a giustificare una maggiore fiducia verso i listini europei sarebbe “un poker d'assi; il progressivo allontanamento del rischio sistemico; la riduzione della leva finanziaria da parte delle aziende; i prezzi, mai così competitivi rispetto agli Stati Uniti negli ultimi 40 anni; infine, un dividend yield attraente, di poco inferiore al 4%”.

Inoltre, sempre secondo il gestore, lo sguardo degli investitori dovrebbe focalizzarsi sulle società capaci di conquistare e mantenere una posizione dominante a livello globale.

Nel settore tecnologico, l'Europa vanta infatti alcuni dei migliori titoli a livello internazionale. Ad esempio Arm Holdings, una società britannica che produce microprocessori per la stessa Apple.

Nel comparto finanziario Bnp Paribas e Bbva. Chammas inoltre ha spiegato: “Molti investitori sono scappati dalle banche spagnole, dimenticandosi che queste società fanno l'80% del business in America Latina e Turchia. Il compito di ogni titolo, in portafoglio, è battere i propri competitor, non sovraperfomare le società di altri settori”.

In concomitanza con il ritorno agli investimenti nel Vecchio Contintente si verifica una fuga di investimenti dai mercati emergenti. Gli investitori stanno, infatti, scartando tutto, dai bond brasiliani, al rand sudafricano, alle azioni della Thai, la compagnia aerea thailandese.

Le cause che si celano dietro la fuga dai Paesi emergenti risiedono innanzitutto nel fatto che i tassi reali del decennale Usa sono tornati positivi, contribuendo a calamitare verso gli States i capitali in fuga dagli emergenti; e nel rallentamento della crescita cinese e, di conseguenza, nella frenata delle materie prime.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il