BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Decreto Semplificazioni 2013: novità e misure ufficiali approvate Governo Letta

Approvato nuovo decreto Semplificazioni: cosa prevede



Il consiglio dei ministri ha approvato il ddl Semplificazioni, ma nel Consiglio dei Ministri non si è parlato di Iva. Il sottosegretario alla presidenza del consiglio Filippo Patroni Griffi e il ministro della Pubblica amministrazione Giampiero D'Alia hanno, infatti, ribadito che “Il tema non è stato toccato”. Inoltre, è stato annunciato che non sarà in Consiglio dei ministri di venerdì il provvedimento di riforma della legge Fornero sul Lavoro.

Per quanto riguarda le misure fiscali, il nuovo Ddl prevede l’esonero dalla dichiarazione di successione se il valore dell’eredità non supera i 75.000 euro, se i beneficiari di tali eredità sono il coniuge o parenti in linea retta e se l’eredità non comprende immobili o diritti reali immobiliari.

Il Ddl prevede anche che gli interessi sui rimborsi dei crediti di imposta siano erogati contestualmente al rimborso stesso senza che il contribuente debba presentare apposita istanza. Inoltre, viene portato da 25,82 a 50 euro il valore unitario degli omaggi per cui è ammessa la detrazione Iva delle spese di rappresentanza.

Per quanto riguarda le imprese, il Ddl semplificazioni ha introdotto un tutor per monitorare ogni attività, dall’inizio alla conclusione dei procedimenti e informando gli imprenditori sulle normative applicabili e su tutti gli adempimenti necessari per l’esercizio dell’attività produttiva.

Nel settore edile, il ddl semplificazioni prevede una serie di semplificazioni per le imprese di costruzione che saranno realizzabili mediante la SCIA, la segnalazione certificata di inizio attività le varianti ai permessi di costruire che non configurino una variazione essenziale, ai sensi della normativa statale e regionale, e che siano conformi alle prescrizioni urbanistico-edilizie vigenti.

Novità anche per le società tra professionisti: sarà, infatti, applicata anche ai fini Irap il regime fiscale delle associazioni senza personalità giuridica costituite tra persone fisiche.

Inoltre, le spese di vitto e alloggio dei professionisti, sostenute direttamente dal committente, non costituiscono compensi in natura per i professionisti che ne usufruiscono.

Il provvedimento introduce anche una delega generale sulla decertificazione, per esempio, per il Pra (Pubblico registro automobilistico), tutto sarà telematizzato, dalla denuncia di furto alla compravendita.

Il formato elettronico sarà l'unico possibile anche per i certificati di gravidanza, parto, e interruzione di gravidanza, da inviare poi all'Istituto nazionale della previdenza sociale (Inps) esclusivamente per via telematica direttamente dal medico del Servizio sanitario nazionale o con esso convenzionato. Semplificazioni previste anche in materia ambientale con misure per il risanamento e bonifiche.

Il decreto stabilisce, inoltre, che i cittadini possano richiedere la certificazione in lingua inglese dei titoli di studio e degli esami sostenuti da università e istituti equiparati e sono previste semplificazioni anche per le variazioni di domicilio o residenza.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il