BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Ristrutturazione casa 55%-65%: come fare domanda bonus Letta. Vincoli su arredamenti

Come ottenere eco bonus e mobili per cui vale



E' salito dal 55 al 65% il bonus fiscale per l’efficienza energetica degli edifici e sulle ristrutturazioni edilizie (al 50%) in scadenza a fine giugno. Ma la durata del bonus si sdoppia: la proroga sarà di un anno per i condomini e di 6 mesi per i privati cittadini.

Ok anche per il bonus edilizia al 50%, che comprende anche gli interventi di adeguamento antisismico. Il bonus per le ristrutturazioni al 50% riguarderà anche gli arredi fissi, cioè cucine, armadi a muro, bagni, e i lavori per l’adeguamento alle norme antisismiche.

Per quanto riguarda il bonus mobili, chi ristrutturerà casa potrà avere un tetto aggiuntivo di 10mila euro da spendere per l'acquisto di mobili relativi all'appartamento da ristrutturare.

Non sono agevolate dai bonus, invece, le sostituzioni di impianti di riscaldamento con pompe di calore ad alta efficienza ed impianti geotermici a bassa entalpia e le spese per la sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria.

Lo sgravio Irpef sulle ristrutturazioni edilizie semplici è previsto per spese fino ad un ammontare complessivo non superiore a 96mila (48mila euro nel regime ordinario).

La durata differente della proroga del bonus per l’efficientamento energetico degli edifici è legato alla possibilità di accedere ai finanziamenti del Fondo Kyoto gestito da Cassa depositi e prestiti, un fondo rotativo per il finanziamento delle misure di riduzione delle emissioni dei gas a effetto serra, finalizzate all’attuazione del Protocollo di Kyoto.

Ai finanziamenti agevolati è applicato un tasso di interesse dello 0,50%, a cui occorre aggiungere le commissioni applicate dalla banche convenzionata. Per ottenere il beneficio bisognerà dimostrare di aver effettuato le spese per cui si richiede il bonus entro il periodo indicato ed effettuare il pagamento con bonifici bancari o postali da cui risulti chiaramente la causale del versamento e che riporti altrettanto chiaramente codice fiscale di chi sostiene la spesa per l’acquisto degli arredi, codice fiscale di chi riceve il pagamento o la sua partita Iva.

Ristrutturazione Casa BONUS e DETRAZIONI. Vediamo quali sono i bonus, le detrazioni e le agevolazioni fiscali disponibili ora per la ristrutturazione di immobili di proprietà, in affitto e per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il