BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Carte di credito revolving per pagare a rate: costi e condizioni 2013. Confronto migliori

Cosa sono e come si usano le carte revolving. Le migliori da scegliere



La carta revolving è una particolare carta di credito che offre al titolare la possibilità di rimborsare a rate il saldo di fine mese. Questa tipologia di carta permette dunque l’accesso a veri e propri servizi di finanziamento.

Per una carta revolving, l’emittente, che può essere una banca o istituti finanziari, dopo una valutazione reddituale del richiedente, mette a disposizione dello stesso un certo ammontare di moneta. Il cliente potrà quindi scegliere se e come utilizzare tale somma e l’eventuale spesa effettuata, maggiorata degli interessi applicati, sarà rimborsata in comode rate.

L’istituto solitamente richiede un importo minimo per rata, che il cliente può incrementare a piacimento, fino a pagare interamente il saldo. La carta revolving permette di compiere tutte quelle operazioni previste per la carta di credito, e cioè acquistare online e nei negozi convenzionati muniti di POS, e prelevare denaro.

L’unica differenza, rispetto alle carte tradizionali, è la modalità di rimborso rateale del saldo. Secondo i dati elaborati dall’Università Bocconi per Corriere Economia, dopo aver confrontato dieci carte rateali, emerge che il tasso annuo effettivo globale medio (Taeg) delle revolving è quest’anno del 18,97%, contro il 19,64% di un anno fa, quello minimo è del 9,92%, ad eccezione ella Carta Comfort di Deutsche Bank, e quello massimo è del 25,92% di Amex Carta Blu ed è al limite della soglia d’usura, visto che quella in vigore per le revolving è del 25,20%, ma non si riferisce al Taeg, bensì al Tegm, il tasso effettivo globale medio, che non comprende le imposte.

Dall’analisi emerge che fra le emittenti più care ci sono Amex, la spagnola Santander (taeg al 23,03%) e Findomestic (22,83%), seguita da Agos Ducato (19,84%).

Fra le migliori carte spiccano Compass ( 11,4%), Agos Ducato (11,2%), Findomestic (9,6%), Unicredit, Deutsche Bank e Intesa Sanpaolo-Neos, CartaSì, Santander, Barclays, American Express.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il