BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Btp-Bund: spread torna a crescere. Tensioni sui tassi dopo intervento Fed Bernanke

Spread Btp-Bund torna a quota 300: è tensione sui mercati. I motivi



Ieri Piazza Affari ha chiuso in calo la seduta, contenendo il calo del Ftse Mib allo 0,9% che sconta più che altro lo stacco delle cedole. In evidenza il tonfo di Mediaset dopo la sentenza al processo Ruby e, viceversa, il rialzo di Fiat.

E torna a salire lo spread tra Btp e Bund, che ha chiuso a 301 punti base, ai massimi da aprile, con il rendimento del Btp in rialzo al 4,82%. Il divario tra i titoli di Spagna e Germania termina a 330 punti base con il tasso dei Bonos al 5,10%. Shanghai crolla del 5,3%, registrando la peggiore perdita da circa 4 anni e anche Tokyo cede l'1,26%.

Chiusura in forte calo anche per Wall Street, col Dow Jones che perde lo 0,94% a 14.660,09 punti e il Nasdaq l'1,09% a 3.320,76 punti. Male anche l'indice S&P500 che cede l'1,21% a 1.573, 11 punti. “C'è decisamente pressione su tutta l'Europa, e non solo” ha affermato il trader di una delle maggiori banche italiane.

Su piattaforma Tradeweb il rendimento sui dieci anni italiano, come annunciato, ha toccato il 4,84%, ai massimi dal 4 marzo, mentre lo spread di rendimento tra Btp e Bund a 10 anni ha raggiunto quota 301 punti base, massimo dal 17 aprile, in allargamento dai 287 punti base della chiusura di venerdì.

A pesare sulla volatilità dei mercato l'annunciato rientro dalle misure straordinarie della Fed. Il presidente della Federal Reserve, Ben Bernanke, qualche giorno fa ha, infatti, annunciato che da quest'anno la banca centrale inizierà a ritirare gli stimoli all'economia ed entro un anno li azzererà.

Immediata la reazione decisamente negativa degli investitori, e intanto la volatilità ha iniziato a farla da padrone sui mercati, sempre più tesi. A pesare, insieme all’intervento di Bernanke, l'incertezza in Cina sulle capacità delle banche di finanziare la crescita.

La banca centrale è preoccupata per l'espansione del rischioso sistema bancario ombra cinese e invita i singoli istituti a gestire in maniera più oculata il credito. La banca del Popolo esclude rischi di credit crunch, ma evita di immettere altra liquidità dentro un sistema che minaccia di diventare esplosivo.

E il contraccolpo di questi andamenti si è avvertito forte sui mercati, dove prosegue l'aumento generalizzato dei tassi sui bond governativi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il