BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Decreto Carceri approvato oggi in Consiglio dei Ministri Letta. Novità e misure inserite.Cosa cambia

Le misure del decreto Carceri: cosa prevedono



Come annunciato dal ministro della Giustizia Anna Maria Cancellieri, sarà approvato oggi, mercoledì 26 giugno, in Consiglio dei Ministri, un decreto “per alleggerire la pressione sulle carceri, con modifiche sia in entrata che in uscita” che però, assicura il inistro, “non sarà uno svuota carceri”.

Il provvedimento mira a risolvere il problema del sovraffollamento e dovrebbe riguardare circa 4mila detenuti. Il sovraffollamento carcerario conta la presenza di 65.891 detenuti rispetto ad una capienza regolamentare di 47.040, secondo i dati del ministero della Giustizia.

Tra le misure contenute nel provvedimento presentato dal ministro Cancellieri compaiono la possibilità di detenzione domiciliare per i reati puniti con pena edittale massima di 6 anni; la liberazione anticipata per i detenuti in custodia cautelare con pena residua non oltre i 3 anni e l’allargamento delle ipotesi di lavoro di pubblica utilità per i detenuti tossicodipendenti.

Previste inoltre nel provvedimento la possibilità tra di individuare immobili dismessi e adatti alla riconversione per la realizzazione di strutture carcerarie, e misure contro le violenze domestiche e lo stalking.

Insieme alle novità previste dal decreto Carceri, si discute oggi in Cdm anche del pacchetto lavoro, pensato dal governo a sostegno dell’occupazione, soprattutto giovanile, nel nostro Paese; e dell’aumento dell’Iva al 22%.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il