BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Riforma lavoro: cosa cambia per assunzioni.Le nuove regole, bonus e contratti Consiglio dei Ministri

Novità lavoro e contratti: cosa cambia con nuovo Piano Lavoro



Via libera al nuovo Piano Lavoro, in particolare per i giovani. Il Consiglio dei ministri di ieri ha approvato il decreto sulle carceri e il rinvio di tre mesi dell'aumento dell'Iva. Il nuovo pacchetto lavoro potrà contare su 1,5 miliardi di euro di risorse destinati alle imprese che assumeranno e prevede un piano assunzioni che coinvolgerà circa 200mila persone.

Il piano lavoro mira a sostenere il rilancio dell’occupazione in Italia, soprattutto quella giovanile e del Centro-Sud e prevede, in generale, incentivi alle assunzioni, novità sul rinnovo dei contratti, tirocini, garanzia per i giovani e nuovo collocamento.

Per quanto riguarda gli incentivi all'occupazione, saranno destinati alle assunzioni a tempo indeterminato di lavoratori giovani attraverso un bonus pari a un terzo della retribuzione lorda.

Potrà usufruire di tale beneficio chi ha un età compresa tra 18 e 29 anni; chi è senza un impiego regolarmente retribuito da più di 6 mesi; chi non ha un diploma di scuola superiore o una qualifica professionale; e chi vive da solo o ha familiari a carico.

L'ammontare delle agevolazioni potrà arrivare ad un massimo del 33% della retribuzione lorda complessiva e avrà un tetto di 650 euro al mese. La durata dei benefici sarà di 18 mesi in caso delle nuove assunzioni e di 12 mesi per i contratti a termine che vengono convertiti in contratti a tempo indeterminato.

Per quanto riguarda il rinnovo dei contratti, il nuovo decreto stabilisce nuovi intervalli di tempo rispetto alla precedente riforma Fornero, prevedendo un tempo di 10 giorni per un contratto di 6 mesi e di 20 per un contratto superiore ai 6 mesi. La legge Fornero stabiliva rispettivamente 60 e 90 giorni.

Sono stati stanziati, infine, 15 milioni di euro di incentivi per i tirocini curriculari della durata minima di 3 mesi. Gli studenti più meritevoli potranno ricevere un assegno di 200 euro al mese per i loro tirocini formativi.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marcello Tansini
pubblicato il