BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esodati ed esondandi: piano Letta-Giovannini. Due opzioni possibili

Questione esodati: le soluzioni al vaglio. E per gli esodandi?



Governo ancora ben concentrato sul capitolo esodati, anche se altre misure sono già state definite, prima di risolvere la situazione di migliaia e migliaia di persone che rischiano ancora di rimanere senza lavoro e senza pensione.

Il motivo di tanta attesa è dovuto soprattutto alla necessità di nuove risorse di cui si ha bisogno per cercare le coperture per questi lavoratori. L'idea del governo è di giungere rapidamente a una quantificazione definitiva della platea e fronteggiare i casi più urgenti utilizzando il fondo già previsto dall'ultima legge di stabilità approvata dal Parlamento (legge 228/2012).

Le risorse, però, sembra poche. Il ministro del Lavoro, Enrico Giovannini, ha spiegato che è intenzione del governo procedere per “l'utilizzo integrale delle risorse destinate alla salvaguardia dei cosiddetti lavoratori esodati”. Una volta analizzate e definite le pratiche dei lavoratori salvaguardati, gli eventuali risparmi che si dovessero verificare verranno utilizzati ampliando la platea degli esodati.

Il ministro del Lavoro Giovannini ha, del resto, annunciato: “Utilizzeremo appieno il fondo della legge di stabilità con 36 milioni di euro per il 2013. In questo confluiranno le eventuali altre economie e serviranno a incrementare la platea dei salvaguardati”.

Oltre i 130mila salvaguardati dai tre decreti del precedente governo, sarebbero comunque ben 200mila a rischiare ancora. Senza dimenticare poi il problema dei cosiddetti esodandi, di coloro che cioè rischiano nei prossimi mesi di rimanere senza lavoro e senza la possibilità di andare rapidamente in pensione per l'innalzamento dei requisiti previsti dalla riforma Fornero.

Due le opzioni per cercare una soluzione: la prima prevederebbe un nuovo meccanismo di pensionamento flessibile e quindi la possibilità di andare in pensione a 62 anni, ma con penalizzazioni; la seconda opzione invece punterebbe al ricorso ad una riforma degli ammortizzatori.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il