Marche da bollo: aumenti Giugno 2013. Le tariffe nel dettaglio

Nuovi aumenti marche da bollo da fine giugno: quanto costano ora e cosa riguardano



Costi marche da bollo più alti da fine giugno: da martedì 25 giugno, infatti, con l’entrata in vigore della legge di conversione del Decreto legge 26 aprile 2013 n. 43, il prezzo dell’imposta di bollo è salito.

I nuovi aumenti per le marche da bollo sono stati stabiliti per recuperare 1,2 miliardi di euro per la ricostruzione in Abruzzo causati dal sisma e assicurerà 197 milioni di euro all’anno alle zone della regione colpite dal terremoto del 6 aprile 2009, dal 2014 al 2019.

Questa somma servirà a riparare gli immobili danneggiati o per l’acquisto di nuove abitazioni. Entrando più nel dettaglio, i prezzi delle marche da bollo passeranno da 1,81 e da 14,62 euro a 2 e 16 euro.

Nel settore degli immobili, per esempio, per i contratti di locazione e di comodato l’imposta sarà di 16 euro ogni 4 facciate (100 righe). L’aumento riguarderà i costi di scritture private, rogiti notarili, pubblicazioni matrimoniali, ricevute, quietanze, atti di notorietà in bollo, fatture e note di professionisti senza partita Iva. Saranno, invece, esenti, dal pagamento di questa imposta di bollo le ricevute degli oneri condominiali.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Marcello Tansini pubblicato il