BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Esuberi, precari, prepensionamenti, contratti statali e PA: agenda Governo Letta e Ministro D'Alia

Stipendi, esuberi e pubblico impiego: come lavorerà il governo



Insieme a riforma Imu e piani Iva, è in programma nell’agenda del governo Letta anche il nuovo piano esuberi 2013-2014. Il ministro della Pubblica amministrazione, Giampiero D'Alia, ha annunciato che “prima della chiusura estiva, il governo varerà una proposta organica per chiudere e definitivamente, nell'arco di tre anni, l'anomalia del precariato nella P.A.”.

Il ministro ha spiegato che sul fronte degli esuberi “rispetto alle nuove piante organiche ne abbiamo oltre 7000. Il 40% sarà assorbito attraverso i prepensionamenti, il resto attraverso la mobilità”.

Entro la fine di questo mese ministeri ed enti della Pa centrale dovranno decidere la sorte delle circa 7.800 eccedenze individuate nei propri organici e dovranno individuare i dipendenti che raggiungerebbero i requisiti previdenziali pre-riforma Fornero entro la fine dell'anno.

Per loro è prevista, infatti, una corsia preferenziale verso il pensionamento, mentre gli altri saranno soggetti a progetti di mobilità. Per poter raggiungere il Tfr, i prepensionati della p.a. dovranno maturare i requisiti secondo le norme attualmente in vigore.

Per coloro, invece, che non potranno accedere alla pensione, scatterà la ricollocazione automatica presso altri uffici, e nel caso anche questa non sia effettuabile scatteranno i contratti a tempo parziale. Gli esuberi si concentrano in parte nell'Inps, che dopo la fusione con Inpdap (l'istituto previdenziale dei dipendenti pubblici) ed Enpals (spettacolo e sport) ha dovuto rivedere la propria organizzazione; nei vari ministeri, e negli enti pubblici non economici, come Istat e Aci, o negli enti di ricerca.

Altra parte d’esuberi è concentrata nell'Enac, l'ente nazionale dell'aviazione civile. Insieme alla manovra che tocca gli stipendi e gli esuberi, l’agenda economica presentata da D’Alia toccherà anche coloro che hanno vinto o risultano idonei al superamento di un concorso pubblico e i precari impiegati senza garanzie sul futuro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il